martedì 06 dicembre | 13:23
pubblicato il 08/ago/2013 19:41

Dl fare: Zaia, campeggi a picco se camper equiparati a nuove costruzioni

Dl fare: Zaia, campeggi a picco se camper equiparati a nuove costruzioni

(ASCA) - Venezia, 8 ago - ''Siamo di fronte all'ennesimo esempio di quanto sia difficile fare impresa in questo paese.

Una norma del Decreto del fare assoggetta le roulotte, i camper e la case mobili all'interno dei campeggi a interventi di nuova costruzione. E' surreale, ma anche devastante per l'economia del Veneto, dove l'offerta di turismo all'aria aperta rappresenta il 27%delle presenze regionali, cioe' 20 milioni di turisti che danno lavoro a 13 mila addetti''.

Cosi' il presidente della regione Veneto, Luca Zaia, crita duramente in una nota l'emendamento al 'decreto del fare' che rischia di penalizzare fortemente il settore della ricettivita' all'aria aperta soprattutto in Veneto dove esiste il piu' grande polo del settore, ma anche nel resto d'Italia.

''Per ragioni che stanno tra il discutibile e l'incomprensibile - spiega Zaia - la collocazione all'interno dei campeggi di roulottes, campers e case mobili viene assimilata agli interventi di nuova costruzione, che pertanto necessitano di autorizzazione urbanistico/edilizia. In altri termini, il titolare di un campeggio avra' l'obbligo di dimostrare, caso per caso, che questi mezzi mobili di pernottamento sono utilizzati e/o abitati solo se autorizzati da gravose pratiche, impossibili di fatto da ottenere''.

''Per effetto di questa norma - dice ancora il presidente del Veneto - l'Italia e' l'unico Paese in Europa dove si chiede alle strutture ricettive di dimostrare, camper per camper, roulotte per roulotte, il regime di temporaneita': equivale a chiedere al parcheggiatore di dimostrare che la sosta di ogni macchina e' temporanea. Gia' in queste ore si sta facendo concreta l'interruzione degli ammodernamenti programmati, con la disdetta di unita' mobili di pernottamento gia' commissionate''.

''Il blocco degli investimenti - conclude Zaia - non era proprio l'obiettivo che il 'Decreto del fare' voleva evitare? In questo caso si disfa, altro che fare. Il governo si ravveda e modifichi, urgentemente, quella che e' una norma priva di senso''.

com-stt/lus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
M5S vuole il voto subito. Ma Di Maio premier non convince tutti
Governo
Alfano: pronostico elezioni anticipate a febbraio
Governo
Capigruppo Fi: impraticabile congelare crisi governo Renzi
Governo
Mattarella congela Renzi e attende Pd, crisi dopo la manovra
Altre sezioni
Salute e Benessere
Airc finanzia ricerca per migliorare diagnosi noduli alla tiroide
Enogastronomia
Mantegna contro Margherita: la pizza cambia nome e si veste d'arte
Turismo
Ponte Immacolata, per un italiano su due hotel è luogo dolce vita
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Luci di Natale: come smaltire quelle vecchie e tutelare l'ambiente
Scienza e Innovazione
Pakistan, sta morendo avvelenato il più grande lago del paese
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni