lunedì 05 dicembre | 05:56
pubblicato il 25/lug/2013 17:36

Dl fare: Orfini(Pd), governo ripristini fondi tax credit per il cinema

Dl fare: Orfini(Pd), governo ripristini fondi tax credit per il cinema

(ASCA) - Roma, 25 lug - ''Alla Camera abbiamo presentato un ordine del giorno sul decreto del fare per impegnare l'esecutivo su una serie di interventi immediati per la produzione culturale e creativa, tra cui il ripristino urgente e la stabilizzazione degli stanziamenti destinati al tax credit per il cinema. Il governo lo ha accolto solo come raccomandazione. La situazione in cui versa il settore cinematografico e audiovisivo richiede che l'esecutivo, che abbiamo incalzato durante tutto l'iter di discussione di questo decreto, si impegni in tempi brevissimi a ristabilire i fondi destinati al tax credit. Il ministro Bray si e' espresso in questo senso: ci aspettiamo una reazione positiva e immediata da parte del governo nei confronti di un settore determinante per la cultura e l'economia italiana''.

Lo afferma Matteo Orfini, deputato del Pd componente della commissione Cultura della Camera.

com-min

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum,Si:respinti rappresentanti no a scrutinio voto estero
Riforme
Referendum, seggi aperti in tutta Italia: sì o no a riforma Renzi
Riforme
Referendum, affluenza boom alle urne: alle 19 è già al 57,24%
Riforme
Referendum,Centro-Nord spinge affluenza oltre 60%,Sud sotto il 50%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari