sabato 21 gennaio | 14:14
pubblicato il 23/lug/2013 11:57

Dl Fare: il governo pone la fiducia alla Camera

Dl Fare: il governo pone la fiducia alla Camera

(ASCA) - Roma, 23 lug - Il Governo porra' la fiducia alla Camera sul Dl del Fare, sul testo uscito dalle Commissioni. ''Poiche' abbiamo un calendario molto complicato prima della pausa estiva e non e' possibile esaminare 800 emendamenti, a nome del governo pongo la questione di fiducia'', ha annunciato il ministro dei Rapporti con il Parlamento, Dario Franceschini, intervenendo nell'Aula alla Camera. Il ministro ha inoltre illustrato il corso delle trattive con i gruppi di opposizione, prima di prendere la decisione di porre la fiducia. ''Dopo aver registrato la presenza di circa 800 emendamenti - ha affermato -, in una riunione del comitato dei 18, abbiamo spiegato che quel numero di emendamenti non modificato avrebbe richiesto il voto di fiducia. Abbiamo chiesto la disponibilita' di scendere a un numero di emendamenti ragionevole. Rispetto a questa richiesta formulata ieri, Lega Nord e Sel hanno dato la loro disponibilita', mentre il Movimento 5 Stelle, con il quale abbiamo avuto un incontro, ci ha presentato un numero limitato di emendamenti dicendo che se accolti tutti ci sarebbe stata la disponibilita' a ritirare gli altri. Il governo ha detto che era disponibile ad accogliere una parte di questi, ma non tutti, perche' senza copertura. Cosi' il Movimento 5 Stelle ha detto che sarebbero stati mantenuti tutti''.

. Inizia domani alle 11.30 nell'Aula della Camera la prima chiama del voto di fiducia al Decreto legge Fare. Le dichiarazioni di voto cominceranno alle 10. Dopo il voto, dalle 12.40 alle 14 ci sara' la possibilita' di presentare gli ordini del giorno al provvedimento, che verranno discussi in aula dalle 16 in poi, dopo il question time. E' quanto stabilito dalla conferenza dei capigruppo di Montecitorio. Non e' possibile prevedere quando ci sara' il voto finale sul provvedimento perche' l'opposizione, in particolare M5S e Fratelli d'Italia, ha annunciato che si prendera' tutto il tempo disponibile per illustrare gli ordini del giorno. Di conseguenza grillini e FdI hanno chiesto che non ci sia la diretta televisiva. Dopo l'approvazione del Decreto legge Fare la Camera esaminera' il dl Ecobonus. Venerdi' dovrebbe iniziare la discussione generale sul finanziamento pubblico ai partiti, sulle leggi sull'omofobia e la diffamazione ma cio' dipendera' dai tempi del Dl Fare e dalle commissioni il cui lavoro e' stato sospeso, come richiesto dal Movimento 5 Stelle, in attesa dell'approvazione appunto del Dl Fare. int/

 

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd, Renzi al Nazareno incontra big del partito
Pd
Prodi: alla sinistra serve un nuovo riformismo
Maltempo
Rigopiano, Gentiloni: grazie a chi salva vite, forza e coraggio
M5s
Ue, Grillo: Alde? Si vergogni chi si è rimangiato la parola data
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4