domenica 04 dicembre | 03:15
pubblicato il 06/ago/2013 12:35

Dl fare: da dismissioni patrimonio Comuni 10% a riduzione debito

(ASCA) - Roma, 6 ago - Il 10% del ricavato dalle dismissioni del patrimonio 'originario' degli Enti locali dovra' concorrere alla diminuzione del debito pubblico attraverso il Fondo per l'ammortamento dei titoli di Stato. E' quanto previsto da un emendamento al decreto del fare del Governo approvato la scorsa notte dalle commissioni Bilancio e Affari Costituzionali del Senato. La misura e' stata introdotta ''in considerazione dell'eccezionalita' della situazione economica e tenuto conto delle esigenze prioritarie di riduzione del debito pubblico'' e va ad aggiungersi alla norma secondo la quale la quota del 25% del ricavato delle dismissioni degli immobili trasferiti dallo Stato agli Enti locali deve essere versata nel suddetto Fondo . Via libera anche all'emendamento che fa passare da 150 a 100 milioni la somma destinata al pagamento dei debiti degli enti in pre-dissesto prelevata dalle risorse messe a disposizione dal decreto sul pagamento dei debiti della P.A..

sgr/mar/rl

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum, quante volte è cambiata la Costituzione dal '48 a oggi
Riforme
Referendum, sfida decisiva per la madrina delle riforme Boschi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari