martedì 24 gennaio | 14:28
pubblicato il 18/giu/2013 11:54

Dl fare: Brunetta, inaccettabile ritardo e troppa confusione su testo

Dl fare: Brunetta, inaccettabile ritardo e troppa confusione su testo

(ASCA) - Roma, 18 giu - ''Il Consiglio dei ministri ha approvato lo scorso sabato pomeriggio, con una lunga, e immagino attenta, lettura del testo, un Decreto sulla semplificazione dell'azione amministrativa e sul rilancio di settori importanti della nostra economia. Lo chiamano Decreto 'Fare', e gia' il nome e' una promessa al Paese, alle imprese e alle famiglie. Ottanta articoli, centinaia di modifiche alle disposizioni vigenti, decine di atti necessari a dare corso alle novita' introdotte. Si tratta di un decreto complesso che richiedera' un approfondito lavoro parlamentare in sede di conversione in legge''. Cosi' in un comunicato il capogruppo Pdl alla Camera, Renato Brunetta. ''Dalle anticipazioni di questi giorni - ha aggiunto - risulta che il Pdl abbia ottenuto un buon risultato ai fini del rilancio delle infrastrutture e ai fini della semplificazione fiscale, che rappresentano, tra gli altri, due punti fondamentali del suo programma, mentre poco si e' fatto in tema di Agenda digitale e di semplificazione amministrativa, anch'essi temi di straordinaria importanza e su cui insiste da tempo la Commissione europea, come si evince dalle ultime Raccomandazioni sull'uscita dell'Italia dalla procedura d'infrazione per disavanzo eccessivo. Detto questo - ha ribadito Brunetta - rimane l'urgenza di una tempestiva presentazione del Decreto al Parlamento.

Sollecito che deve essere rivolto al presidente del Consiglio, Enrico Letta, e al sottosegretario alla Presidenza, Filippo Patroni Griffi. Piu' in generale, e' necessario porre fine alla cattiva abitudine, non piu' accettabile, non piu' possibile, senz'altro discutibile e censurabile, di cambiare i testi dopo l'approvazione in Consiglio dei ministri, sulla base delle eccezioni, non sempre pertinenti, sollevate dalla burocrazia, e spesso motivate da esclusive esigenze di potere''. Si tratta di ''un cattivo vezzo che genera cattivi pensieri e rappresenta un grave vulnus all'autonomia parlamentare, specie in questa circostanza, visto che il Decreto dovra' essere convertito entro la fine di agosto, in concomitanza con il periodo di chiusura delle Camere''. com-brm/sam/alf

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
M5s
Di Maio: né Salvini né Meloni, non facciamo alleanze
L.elettorale
Grillo: legge elettorale sarà quella che deciderà la Consulta
Pd
Fassino: un giovane Prodi? Il Pd un leader ce l'ha già
L.elettorale
Partiti attendono Consulta su Italicum. Già divisi sul day-after
Altre sezioni
Salute e Benessere
Al via Peter Baby Bio, progetto toscano per omogeneizzati Km zero
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Del Pesce sarà main sponsor di Aquafarm 2017
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio, Pasquali: Leonardo pronta a cogliere opportunità sviluppo
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4