lunedì 05 dicembre | 16:17
pubblicato il 10/apr/2014 16:13

Dl Enti locali: Capezzone (FI), no a fiducia. Tasi e' patrimoniale-Renzi

(ASCA) - Roma, 10 apr 2014 - ''Da oggi, la Tasi, l'odiata tassa sulla casa reintrodotta sotto falso nome dal Governo Letta-Alfano, puo' ora essere chiamata 'Tassa Renzi' o, se si preferisce, 'patrimoniale Renzi'''. Lo afferma il deputato di Forza Italia Daniele Capezzone intervenendo in Aula per dichiarare il 'no' del suo partito alla fiducia posta dal Governo sul decreto enti locali.

''Me ne dispiaccio - prosegue -, avendo noi indicato a Renzi un percorso fiscale diverso, fatto di veri tagli di spesa e di veri tagli di tasse, resi possibili dalla delega fiscale sulla quale noi di Forza Italia abbiamo lavorato in prima linea. Invece, il governo parte dalla conferma e anzi dal peggioramento della tassa sulla casa, e poi minaccia di aggravare la tassazione sul risparmio. Due cose che rischiano di vanificare l'effetto dell'intervento sull'Irpef (che peraltro riguarda solo i dipendenti, mentre i proprietari di case sono l'80 per cento degli italiani)''.

com-sgr/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, Di Maio: da domani al lavoro per futuro governo M5s
Riforme
Referendum, Renzi: ho perso io e mi dimetto, ma senza rimorsi
Riforme
Referendum, Grillo: addio Renzi, ha vinto la democrazia
Riforme
Referendum,Si:respinti rappresentanti no a scrutinio voto estero
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari