martedì 21 febbraio | 11:34
pubblicato il 25/lug/2013 15:09

Dl ecobonus:Capezzone, no ad aumenti Iva editoria e distributori bevande

Dl ecobonus:Capezzone, no ad aumenti Iva editoria e distributori bevande

+++Governo corregga errore clamoroso, ha 24 ore di tempo+++.

(ASCA) - Roma, 25 lug - ''Non voglio e non posso credere che, nell'ambito di un provvedimento come il decreto ecobonus, il Governo possa mantenere assurdi e gravosi aumenti Iva: quello su bevande e alimenti da distributori automatici, e quello sui gadget dei prodotti editoriali. Sarebbe un errore clamoroso, oltre che la prima nuova tassa inserita dal nuovo Esecutivo''. Lo afferma Daniele Capezzone, Presidente della Commissione Finanze della Camera e Coordinatore dei dipartimenti Pdl, che aggiunge: ''Personalmente, come contributo positivo, ho fornito da giorni numerose ipotesi e percorsi di copertura per somme molto superiori alle poche risorse necessarie per scongiurare questi aumenti.

Voglio sperare che, nelle prossime 24 ore, da qui a quando le Commissioni si riuniranno domani, il Governo voglia correggere questo errore clamoroso''. com-min

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
M5s
Vertici M5s a Roma, possibile incontro Grillo-Raggi in Campidoglio
Pd
Enrico Letta: Pd non può finire così, attonito da cupio dissolvi
Pd
Ultime ore per arginare la scissione nel Pd, occhi su Emiliano
Pd
Rossi: io già fuori dal Pd, spero Emiliano sia conseguente
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
Verona Fiere, Evoo Days, al via il primo forum per filiera olio
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia