sabato 03 dicembre | 07:51
pubblicato il 01/ago/2013 18:18

Dl ecobonus: ok definitivo dall'Aula del Senato con 249 si'

Dl ecobonus: ok definitivo dall'Aula del Senato con 249 si'

(ASCA) - Roma, 1 ago - Via libera definitivo dell'Aula del Senato al decreto Ecobonus con 249 si' e 2 soli voti contrari. Il decreto, che diviene legge dello Stato, ha lo scopo di favorire la riqualificazione e l'efficienza energetica del patrimonio immobiliare italiano, mettendo l'Italia in regola rispetto alle prescrizioni in materia dell'Unione europea (che ha aperto una procedura d'infrazione nei confronti del nostro Paese) e prorogando la scadenza degli attuali benefici fiscali in materia. Il sottosegretario allo sviluppo economico, Simona Vicari, ha affermato in Aula che obiettivo del governo e' di rendere stabili gli ecobonus ''almeno fino al 2020'', in vista della data dell'1 gennaio 2021 quando tutti gli edifici di nuova costruzione dovranno essere edifici ad energia ''quasi zero''. Il decreto prevede una detrazione d'imposta del 65%, distribuita su 10 anni, per le spese sostenute fino al 31 dicembre di quest'anno per la riqualificazione energetica degli edifici (fino al 30 giugno 2014 per i condomini). Saranno inoltre detraibili le spese di sostituzione di impianti di riscaldamento con pompe di calore ad alta efficienza ed impianti geotermici a bassa entalpia nonche' quelli di sostituzione di scaldacqua tradizionali con scaldacqua a pompa di calore dedicati alla produzione di acqua calda sanitaria. Prorogati al 31 dicembre 2013 i termini di scadenza dell'innalzamento della percentuale di detrazione Irpef dal 36 al 50% e il limite dell'ammontare complessivo da 48.000 a 96.000 euro in relazione alle spese di ristrutturazione edilizia. Sconto del 50%, distribuito in dieci anni, anche per l'acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici nell'immobile oggetto di ristrutturazione, per un importo massimo complessivo non superiore a 10 mila euro. Un emendamento approvato alla Camera stabilisce poi che il bonus valga anche per gli interventi di prevenzione sismica nelle aree a piu' alto rischio sismico. sgr/lus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Renzi: brogli voto estero? Film che ritorna da chi teme sconfitta
Riforme
Referendum, Salvini: voto estero comprato ma no vincerà comunque
Riforme
Renzi: col Sì Italia più forte in Ue su crescita e immigrazione
Riforme
Politici, vip e costituzionalisti, tutti divisi al referendum
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari