sabato 25 febbraio | 03:34
pubblicato il 25/lug/2014 18:06

Dl competitivita': senatori Pd, importanti novita' per ambiente

(ASCA) - Roma, 25 lug 2014 - ''Il decreto competitivita' appena approvato al Senato, grazie anche al lavoro svolto nelle Commissioni, contiene importanti norme ambientali, dall'Ilva, al contrasto del rischio idrogeologico, alla bonifica dei siti inquinati, ai bioshopper''. Lo dicono i senatori democratici Massimo Caleo, capogruppo nella commissione Ambiente e Stefano Vaccari. ''Il grande successo riguarda l'Ilva - sottolineano i senatori del Pd - perche' e' stato rafforzato il decreto gia' precedentemente approvato e migliorate le condizioni per il risanamento e il rilancio produttivo dell'impianto di Taranto. Abbiamo semplificato e accelerato le procedure per le bonifiche dei siti inquinati, inserito misure per contrastare lo sversamento da parte delle 'carrette del mare', ampliando la responsabilita' penale a carico del proprietario del carico trasportato. Per il Sistri sono state previste norme per sbloccare la situazione. Entreranno inoltre immediatamente in vigore le sanzioni pecuniarie a carico dei 'furbetti' che non rispettano l'obbligo di commercializzare unicamente bioshopper rispettosi di caratteristiche standard al posto delle buste di plastica''.

''E' stata inoltre cancellata la 'Via postuma' per gli impianti a biogas - proseguono -. Un lavoro specifico e' stato condotto sulla cosiddetta energia verde: abbiamo lavorato in un confronto franco e trasparente con il governo per migliorare il testo. Sono state riviste sostanzialmente le modalita' con le quali le imprese potranno concorrere al contributo richiesto, con percentuali diverse e divise in scaglioni sulla base del voltaggio degli impianti, prevedendo, a decorrere dal 1* gennaio 2015, l'eliminazione degli oneri di sistema a carico degli impianti solari fotovoltaici di potenza non superiore a 3 chilowatt.

L'obiettivo della norma e' quello di favorire e sostenere, anche se parzialmente, l'autoconsumo. Avevamo proposto anche l'innalzamento della soglia da 200 a 500 chilowatt per lo scambio sul posto, nonche' l'esclusione degli enti locali e delle loro societa' partecipate proprietarie di impianti fotovoltaici dall'impatto del cosiddetto spalmaincentivi. Su questo - concludono - presenteremo comunque un ordine del giorno per chiedere un impegno specifico al governo''. com-njb

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Centrosinistra
D'Alema: con Orlando segretario Pd si riaprirebbe dialogo
Ncd
Alfano: i moderati tornino uniti contro il populismo
Governo
Guerini: assurdo legare data primarie Pd a elezioni politiche
Campidoglio
Grillo: forza Virginia, giornalisti rispettino privacy Raggi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech