sabato 21 gennaio | 05:58
pubblicato il 12/ott/2015 20:43

Divergenze Pd-Ap su unioni civili, verso calendarizzazione in Aula

I Dem: andare avanti veloci. Alfano: faremo una battaglia leale

Divergenze Pd-Ap su unioni civili, verso calendarizzazione in Aula

Roma, 12 ott. (askanews) - Le divergenze restano tutte, e nessuno le nasconde, anche dopo l'incontro di palazzo Chigi tra Matteo Renzi e Angelino Alfano. Ma il Pd intende comunque andare avanti sulla calendarizzazione delle unioni civili nell'aula del Senato. E domani sarà questa la posizione che il capogruppo Luigi Zanda porterà alla capigruppo di palazzo Madama.

Al termine dell'incontro, sia il Pd che Ap rinviano a domani, quando al Senato Luigi Zanda e Renato Schifani riuniranno i rispettivi uffici di presidenza. Ma l'esito sembra già segnato: "Il Pd ritiene necessario portare velocemente il provvedimento in Aula, e se l'ufficio di presidenza del gruppo confermerà questa linea, in capigruppo sosterrò la necessità di portare il ddl in modo molto veloce". Un modo per non segnare la frattura con Ap subito dopo il vertice, ma nel Pd nessuno ha intenzione di rinunciare a portare il ddl in Aula: "Se Ap in capigruppo farà legittimamente la sua battaglia, vorrà dire che la calendarizzazione passerà con i voti di Sel e dei Cinque Stelle", spiegano fonti parlamentari Dem.

Restano però anche le divergenze di merito, a partire dal tema delle adozioni, su cui è lo stesso Alfano a ribadire con nettezza la linea del partito: "Faremo una battaglia leale e coerente sui nostri principi. Sì al riconoscimento di diritti individuali patrimoniali, no all'adozione dei bambini. Il tema delle adozioni è un tema che oggi ci divide molto". Così come sull'utero in affitto "per noi ci vorrebbe addirittura la sanzione penale". Dunque, per Alfano "la 'Cirinnà 1' non andava bene, la 'Cirinnà 2' ancora meno bene su alcuni punti di vista". Il punto è sempre lo stesso: "Noi temiamo che attraverso norme scritte in modo ambiguo si violino alcuni paletti fissati dalla Corte Costituzionale, si faccia una sorta di equiparazione con il matrimonio, e ci sia la possibilità prima o dopo, anche attraverso l'intervento della magistratura, che si arrivi all'adottabilità di bambini da parte di coppie dello stesso sesso. I bambini hanno diritto ad avere un papà e una mamma, e il loro diritto - conclude Alfano - viene prima di quello di tutti gli altri". Ma su questo ci sarà tempo, visto che per ora si parla solo di incardinare il provvedimento. Per la sua approvazione, con ogni probabilità, si attenderà la fine della sessione di bilancio.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd, Renzi al Nazareno incontra big del partito
Craxi
Berlusconi: mi manca Craxi, è stato vittima di un golpe
Terremoti
Terremoto, Finocchiaro: stanziati 30 milioni per l'emergenza
Maltempo
Rigopiano, Gentiloni: grazie a chi salva vite, forza e coraggio
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4