giovedì 08 dicembre | 23:24
pubblicato il 23/mag/2013 13:26

Diritti tv: giudici, loro gestione faceva capo a Berlusconi

(ASCA) - Milano, 23 mag - Era Silvio Berlusconi a occuparsi in prima persona della gestione dei diritti tv di Mediaset.

Lo mettono nero su bianco i giudici della seconda corte d'Appello di Milano che hanno condannato l'ex capo del governo a 4 anni per frode fiscale nel processo di secondo grado sui diritti tv di Mediaset.

Nelle motivazioni della sentenza, il collegio presieduto da Alessandra Galli scrive che ''almeno fino al 1998 vi erano state le riunioni per decidere le strategie del gruppo, riunioni con il proprietario Silvio Berlusconi''. Proprio per questo ''era assolutamente ovvio - puntualizzano ancora i giudici milanesi - che la gestione dei diritti, il principale costo sostenuto dal gruppo, fosse una questione strategica e quindi fosse di interesse della proprieta', di una proprieta' che appunto, rimaneva interessata e coinvolta nelle scelte gestionali, pur abbandonando l'operativita' giornaliera''.

fcz/mau/rob

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Pontassieve riaccoglie Renzi: "non molli ora, deve andare avanti"
Governo
Mattarella apre consultazioni,l'arbitro silente debutta in campo
Governo
Crisi, Grillo: elezioni subito senza scuse, legge elettorale c'è
Governo
Renzi domani torna a Roma, oggi pranzo dal padre e poi a Messa
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni