sabato 10 dicembre | 14:39
pubblicato il 01/feb/2013 10:34

Diritti tv: Corte d'Appello vieta sedie e cellulari a giornalisti

(ASCA) - Milano, 1 feb - Cellulari proibiti e niente posti a sedere per i cronisti di giudiziaria che seguono il processo d'appello sui diritti tv a carico, tra gli altri, di Silvio Berlusconi. La presa di posizione della presidente del collegio, Alessandra Galli, ha come obiettivo quello di scongiurare il rischio di riprese televisive e scatti di fotografie, vietate in questo processo. Ma il risultato e' di mettere in difficolta' chi svolge il proprio lavoro di fare informazione: ''Divieto di ingresso - si legge in un cartello affisso fuori dall'aula - con apparati di registrazione audiovisivi e quindi anche con apparecchi telefonici muniti di tali funzioni''. A sorvegliare i giornalisti ci sono 7 carabinieri in aula, che hanno identificato un cronista televisivo cghe aveva scritto un sms in aula. Non e' invece chiaro per quale motivo l'area riservata alla stampa sia priva di panche e posti a sedere. fcz/cam/rl

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Renzi verso ok a governo Gentiloni, ma su data voto è rebus
Governo
Orlando: governo per andare al voto, ma Pd non lo fa da solo
Governo
Seconda giornata consultazioni da Mattarella, Gentiloni in pole
Governo
Da Mattarella possibile incarico domenica, in pole c'è Gentiloni
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Europei, Olimpiadi e terremoto, il 2016 su Facebook in Italia
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina