mercoledì 07 dicembre | 19:38
pubblicato il 01/feb/2013 12:10

Diritti tv: Corte Appello, no a legittimo impedimento. Scontro in aula

Diritti tv: Corte Appello, no a legittimo impedimento. Scontro in aula

(ASCA) - Roma, 1 feb - E' scontro nell'aula del processo d'appello sui diritti tv di Mediaset. Dopo una lunga riunione in camera di consiglio, i giudici della seconda Corte d'Appello di Milano hanno detto no alla richiesta di legittimo impedimento presentata dai difensori di Silvio Berlusconi, gia' condannato in primo grado a 4 anni per frode fiscale. Secondo il collegio presieduto da Alessandra Galli, la riunione degli europarlamentari del Pdl di questa mattina a Roma ''non puo' essere considerato un impegno legittimo e consolidato'', anche perche' ''l'imputato era perfettamente a conoscenza che in data odierna ci sarebbe stata udienza''. I giudici hanno citato in aula un pronunciamento della Corte Costituzionale sulla necessita' di conciliare gli impegni dell'imputato con il calendario del processo. Una bocciatura, quella Corte d'Appello, che di fatto apre la strada alla requisitoria del sostituto pg, Laura Bertole' Viale, inizalmente prevista due settimane fa. Quanto e' bastato per far infuriare Niccolo' Ghedini, uno dei legali di Berlusconi, partito all'attacco dei giudici milanesi: ''Voi - li ha accusati - chiedete leale collaborazione all'imputato, ma non la offrite. Presentate un calendario di udienza senza spostarlo nemmeno di un millimetro. Si invoca la leale collaborazione ma la si nega, perche' chiedete a Berlusconi di rinunciare di qui al 24 febbraio a sei giorni di campagna elettorale su un totale di 23''. Ghedini non ha dubbi: ''Questo processo ha una strada segnata che prevede la conferma della condanna di primo grado. La presenza di noi avvocati in quest'aula e' del tutto inutile, con questa condanna vi siete resi colpevoli di una pesante intromissione nella campagna elettorale''. Infine, un attacco all'intera categoria delle toghe: ''Il senso delle istituzioni non lo avete soltanto voi giudici, lo abbiamo anche noi avvocati. Anche l'avvocatura e' un'istituzione, ma con questa ordinanza decretate l'imperio della magistratura su tutte le altre istituzioni''. fcz/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
L.Bilancio
L.Bilancio, governo pone fiducia in aula Senato su art.1
Fi
Fi, Berlusconi ricoverato. Zangrillo: stress, a breve dimesso
Pd
Pd, Orfini: ok sostegno militanti ma sia senza rabbia
Governo
Mattarella frena corsa al voto,prima sistema elettorale uniforme
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni