martedì 28 febbraio | 09:17
pubblicato il 30/mag/2013 19:38

Diffamazione: proposta legge Pdl per stop carcere a giornalisti

(ASCA) - Roma, 30 mag - Dopo l'appello lanciato dal direttore di Panorama, Giorgio Mule', per una rivisitazione della legge sulla stampa, i deputati del Pdl Mariastella Gelmini (vicecapogruppo), Renato Brunetta (capogruppo) e Deborah Bergamini hanno presentato una proposta di legge per modificare l'attuale normativa sulla stampa e il codice penale in materia di diffamazione e ingiuria. E' quanto si apprende da una nota. La proposta dei parlamentari Pdl prevede l'abolizione della pena della detenzione, prevista dalle attuali norme, che viene sostituita da una multa da mille a 50 mila euro, piu' la pena accessoria dell'interdizione dalla professione giornalistica da uno a sei mesi. Si propone inoltre di modificare le sanzioni previste per l'ingiuria, eliminando anche in questo caso il carcere, sostituito da una multa fino a 3.500 euro e, nei casi piu' gravi, 5 mila euro''.

''Sono anni - si legge nella proposta di legge - che si chiede al Parlamento di superare la rigida disciplina attuale che espone il giornalista, spesso in buona fede, ad elevati rischi che possono interferire con la liberta' di espressione e di critica e con il diritto di cronaca. Tuttavia, non si e' ancora riusciti a dare una risposta adeguata a tale legittima richiesta in ragione dell'estrema difficolta' che si incontra nel contemperare questa esigenza con quella, sicuramente non meno rilevante, di assicurare sempre e comunque un'effettiva tutela dell'onore delle persone offese dalla notizia o dal giudizio diffamatorio. L'onore e' infatti un bene inscindibilmente connesso all'individuo, la cui tutela costituzionale risiede nella pari dignita' sociale delle persone: un valore che se distrutto con mezzi d'informazione, difficilmente puo' essere recuperato''.

''Detto questo pero' - continua il testo - si puo' pensare a pene non detentive, ad una serie misure interdittive e a pene pecuniarie che possono essere piu' deterrenti rispetto alla pena detentiva che talvolta puo' apparire spropositata. La presente proposta di legge intende quindi eliminare le pene di tipo detentivo nel caso della diffamazione compiuta con il mezzo della stampa. E cio' - si legge ancora - non significa non tutelare il reato di diffamazione, o non percepire l'importanza della grande responsabilita' della categoria dei giornalisti, ma significa porre l'efficacia dei vincoli e della disciplina deontologici a tutela dei diritti delle persone, avendo sempre riguardo per il diritto dei cittadini ad un'informazione libera su tutti e su qualsiasi argomento senza censure, tanto meno preventive''. com-brm/mar/ss

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Centrodestra
Zaia a Berlusconi: io candidato premier? E' una manfrina
Centrodestra
Salvini gela Berlusconi: no a Zaia leader e a doppia moneta
Calcio
Renzi: Ranieri tradito dai suoi giocatori, ma tornerà...
Pd
Pd, D'Alema: attacchi Renzi? Non vorrei alimentare ossessioni
Altre sezioni
Salute e Benessere
Malattie rare, Scaccabarozzi: 560 farmaci in sviluppo nel mondo
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Fisica, Masterclass: 3000 studenti alla scoperta delle particelle
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech