martedì 21 febbraio | 11:36
pubblicato il 26/lug/2013 17:37

Diffamazione: Ferranti, migliorate norme, stop a carcere e fuori blog

Diffamazione: Ferranti, migliorate norme, stop a carcere e fuori blog

(ASCA) - Roma, 26 lug - ''La conclusione dell'esame della legge sulla diffamazione con l'esame degli emendamenti conferma gli obiettivi di eliminare il carcere per i giornalisti e l'esclusione dei blog dalla nuove norme''.

Lo dichiara la presidente della commissione Giustizia, Donatella Ferranti.

''Oltre a questi aspetti, sui quali e' stato importante sgombrare il campo da ogni equivoco - continua Ferranti -, abbiamo introdotto altre norme che migliorano l'attuale legislazione: ad esempio, una rettifica tempestiva, proporzionata e collocata adeguatamente puo' escludere la punibilita' del reato. E' stata inoltre alzata la pena pecuniaria in presenza di una particolare intenzionalita' nell'attribuire e diffondere fatti falsi. Infine, potra' avere rilevanza, sul tema della responsabilita' penale da omesso controllo da parte dei direttori, la delega delle funzioni di controllo e vigilanza, scritta, con data certa e accettata''.

com-ceg/min

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
M5s
Vertici M5s a Roma, possibile incontro Grillo-Raggi in Campidoglio
Pd
Enrico Letta: Pd non può finire così, attonito da cupio dissolvi
Pd
Ultime ore per arginare la scissione nel Pd, occhi su Emiliano
Pd
Rossi: io già fuori dal Pd, spero Emiliano sia conseguente
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
Verona Fiere, Evoo Days, al via il primo forum per filiera olio
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia