domenica 22 gennaio | 09:06
pubblicato il 17/ott/2013 16:35

Diffamazione: Farina (Sel), no a legge di larghe intese e mezze misure

(ASCA) - Roma, 17 ott - ''Il gruppo di Sinistra Ecologia Liberta' ha votato contro il disegno di legge sulla diffamazione, legge di larghe intese ma di mezze misure, per le lacune che contiene e che testimonia il ritardo straordinario con cui questo Parlamento interviene su una materia che e' straordinariamente cambiata''. Lo afferma il capogruppo di Sel in Commissione Giustizia, Daniele Farina, parlando alla Camera in dichiarazione di voto.

''Abbiamo voluto segnalare con il nostro no il fatto che oggi non siamo soltanto di fronte al deterrente straordinario per quella liberta' di informazione che e' rappresentato dal carcere - aggiunge Farina - ma che a fianco ve ne sono altri molto piu' diffusi e paurosi per chi si accinge o chi svolge la professione giornalistica o dell'informazione in generale''. Quindi prosegue: ''Sel dedica questo voto contrario a Ester Castano, che ha sollevato la vicenda del comune di Sedriano, e' stata diffidata e querelata dal sindaco di quel comune che poi e' stato sciolto per mafia, e alle migliaia di tanti altri giornalisti, agli articoli che per fortuna continuiamo a vedere, ma anche a quelli che 'temo tantissimi, temo troppi, che in virtu' delle lacune che questa legge contiene, non vedremo e non abbiamo visto'''.

''Abbiamo provato a migliorare questo provvedimento - afferma Farina - e abbiamo auspicato che su alcuni punti cio' avvenisse, cosa che non si e' realizzata. Abbiamo provato ad agire per quella che viene definita 'querela temeraria', altro grande strumento deterrente, perche' dentro quella querela temeraria che e' in realta' una sottofamiglia pericolosa, diffusa, che e' la vera e propria querela intimidatoria. Ma anche qui niente e quindi il nostro no''.

''La legge appena approvata - conclude - che sostanzialmente tutela poche figure del mondo dell'informazione, e' una legge che venderemo all'informazione come no' al carcere per i giornalisti, nuova funzione dell'istituto della rettifica, ma che in realta' fa, come dire, un servizio a meta', che dovremo nel tempo tornare di nuovo a guardare con grande attenzione''.

com-sgr/gbt

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Prodi: alla sinistra serve un nuovo riformismo
Governo
Grasso: legislatura duri fino a 2018 per recuperare tempo perduto
Pd
Guerini: Bene Prodi. Ora il Mattarellum, è lo strumento migliore
Parma
Pizzarotti: mi ricandido, non lascio un buon lavoro a metà
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4