sabato 10 dicembre | 15:54
pubblicato il 17/ott/2013 16:35

Diffamazione: Farina (Sel), no a legge di larghe intese e mezze misure

(ASCA) - Roma, 17 ott - ''Il gruppo di Sinistra Ecologia Liberta' ha votato contro il disegno di legge sulla diffamazione, legge di larghe intese ma di mezze misure, per le lacune che contiene e che testimonia il ritardo straordinario con cui questo Parlamento interviene su una materia che e' straordinariamente cambiata''. Lo afferma il capogruppo di Sel in Commissione Giustizia, Daniele Farina, parlando alla Camera in dichiarazione di voto.

''Abbiamo voluto segnalare con il nostro no il fatto che oggi non siamo soltanto di fronte al deterrente straordinario per quella liberta' di informazione che e' rappresentato dal carcere - aggiunge Farina - ma che a fianco ve ne sono altri molto piu' diffusi e paurosi per chi si accinge o chi svolge la professione giornalistica o dell'informazione in generale''. Quindi prosegue: ''Sel dedica questo voto contrario a Ester Castano, che ha sollevato la vicenda del comune di Sedriano, e' stata diffidata e querelata dal sindaco di quel comune che poi e' stato sciolto per mafia, e alle migliaia di tanti altri giornalisti, agli articoli che per fortuna continuiamo a vedere, ma anche a quelli che 'temo tantissimi, temo troppi, che in virtu' delle lacune che questa legge contiene, non vedremo e non abbiamo visto'''.

''Abbiamo provato a migliorare questo provvedimento - afferma Farina - e abbiamo auspicato che su alcuni punti cio' avvenisse, cosa che non si e' realizzata. Abbiamo provato ad agire per quella che viene definita 'querela temeraria', altro grande strumento deterrente, perche' dentro quella querela temeraria che e' in realta' una sottofamiglia pericolosa, diffusa, che e' la vera e propria querela intimidatoria. Ma anche qui niente e quindi il nostro no''.

''La legge appena approvata - conclude - che sostanzialmente tutela poche figure del mondo dell'informazione, e' una legge che venderemo all'informazione come no' al carcere per i giornalisti, nuova funzione dell'istituto della rettifica, ma che in realta' fa, come dire, un servizio a meta', che dovremo nel tempo tornare di nuovo a guardare con grande attenzione''.

com-sgr/gbt

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Renzi verso ok a governo Gentiloni, ma su data voto è rebus
Governo
Seconda giornata consultazioni da Mattarella, Gentiloni in pole
Governo
Da Mattarella possibile incarico domenica, in pole c'è Gentiloni
Governo
Berlusconi domani da Mattarella: Fi a opposizione ma responsabile
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Europei, Olimpiadi e terremoto, il 2016 su Facebook in Italia
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina