domenica 04 dicembre | 02:53
pubblicato il 23/ott/2012 21:00

Diffamazione/ Ddl domani in aula. Fnsi: E' censura sulla stampa

Finocchiaro: Testo va corretto. E spunta norma su coppie di fatto

Diffamazione/ Ddl domani in aula. Fnsi: E' censura sulla stampa

Roma, 23 ott. (askanews) - Approda domattina nell'aula del Senato il ddl sulla riforma del reato di diffamazione. Archiviata la sede deliberante assegnata in origine alla commissione Giustizia a causa della condanna definitiva per il direttore del Giornale Alessandro Sallusti, l'iter è stato comunque piuttosto rapido (il voto finale è previsto entro giovedì) ma sui contenuti del ddl il dibattito è ancora piuttosto vivace: a Maurizio Gasparri (Pdl) che ha sottolineato come "eliminare la sanzione del carcere per i giornalisti non significa sancire la libertà di diffamare" e ne ha auspicato una rapida approvazione, ha replicato la capogruppo democratica Anna Finocchiaro, secondo la quale il testo "va corretto", correggendo fra l'altro l'opinione di alcuni suoi colleghi come Felice Casson, che ha parlato di "allarmismo non molto giustificato" sul provvedimento e Silvia Della Monica, secondo la quale si tratta di "un testo assolutamente equilibrato". Al posto del carcere, per i giornalisti ritenuti diffamatori sono previste sanzioni pecuniarie dai 5mila ai 100mila euro e l'obbligo alla rettifica (che in caso di inadempienza porta a pene analoghe) prevede delle restrizioni: vanno pubblicate senza commento, ma non è chiaro cosa potrà accadere in caso di richieste di rettifica che rispettino solo parzialmente la verità dei fatti. Se cioè il giornale interessato, visto che non potrà chiosare i testi ricevuti dal diffamato, potrà però censurarne quelle parti che dovessero risultare non veritiere. L'obbligo di rettifica e le pene toccano anche le testate "diffuse in via telematica", ma colpiscono anche gli editori: i soggetti "civilmente responsabili" non dovranno infatti solo essere chiamati a un evetuale risarcimento del danno ma potranno essere costretti a restituire gli eventuali contributi pubblici ricevuti. Tuttavia, nella determinazione del danno della diffamazione "il giudice tiene conto - si legge nel testo varato dalla commissione - della diffusione quatitativa o geografica del mezzo di comunicazione usato per compiere il reato, della gravità dell'offesa, nonché dell'effetto riparatorio della pubblicazione della rettifica". Ma la protesta cresce, e la Fnsi, che ha dato vita oggi a un presidio di protesta al Pantheon, a pochi passi dal Senato, ha accusato i parlamentari di voler introdurre una censura sulla stampa: "Una legge - ha detto il segretario del sindacatro dei gioralisti, Franco Siddi - grave come non si era mai visto, a questo punto è meglio lasciare le cose così come sono". La Fnsi "non può accettare - ha ammonito il presidente del sindacato Roberto Natale - che si stabilisca una sanzione smisurata che renda l'informazione asservita, non in grado di portare avanti inchieste e servizi scomodi al potere: gli editori saranno indotti a parlare con i loro direttori per bloccarli". Curiosa la scoperta di una norma sul diritto all'oblio per i diffamati: potranno chiedere la cancellazione dei contenuti diffamatori da siti Internet e motori di ricerca. Se defunti, il diritto passa agli eredi o al "convivente". Apertura ai gay? L'autore dell'emendamento apporovato in commissione, il senatore del Pdl Giuseppe Valentino, è cascato dalle nuvole: "Coppie di fatto? Un refuso, lo correggeremo".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum, quante volte è cambiata la Costituzione dal '48 a oggi
Riforme
Referendum, sfida decisiva per la madrina delle riforme Boschi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari