giovedì 23 febbraio | 11:17
pubblicato il 04/set/2013 16:41

Difesa/Ue: battlegroups e droni in bozza Ashton per vertice dicembre

(ASCA) - Bruxelles, 4 set - Droni, battlegroups (le unita' militari dell'Ue), industria della difesa, razionalizzazione della spesa per la sicurezza, rifornimento di carburante in volo per gli aerei, condivisione di uomini e mezzi. Questi i punti principali del documento sulla difesa comune realizzato dall'Alto rappresentante per la politica estera e di sicurezza dell'Ue, Catherine Ashton, come base di discussione in occasione del vertice dei capi di Stato e di governo dell'Unione europea, che a dicembre dovra' decidere se e come allargare il processo di integrazione anche sul piano militare.

La bozza non contiene misure specifiche, ma solo principi e punti su cui lavorare. Fonti comunitarie sottolineano che a dicembre servira' un accordo politico, che solo successivamente potra' essere definito in dettaglio.

''Serve un processo che porti alla difesa'', ripetono a Bruxelles. A dicembre quindi le conclusioni saranno di natura di principio: numeri e cifre difficilmente si leggeranno nelle conclusioni, ma molto probabilmente verranno fissare delle scadenze. ''La discussione di dicembre dovra' avviare un processo su cui il Consiglio europeo torni a intervalli regolari, per analizzare i progressi e dare nuovo slancio'' al processo medesimo, si legge nella bozza, il documento di Ashton servira' al presidente del Consiglio Ue, Herman Van Rompuy, per predisporre il documento conclusivo del vertice di dicembre. La bozza e' gia' stata sottoposta all'attenzione degli Stati membri, che nel complesso l'hanno accolta ''positivamente'', assicurano a Bruxelles. La bozza di Ashton - che sara' discussa venerdi' a Vilnius in occasione della riunione informale del consiglio Difesa - ribadisce l'esigenza di una difesa comune. ''L'Unione - recita il documento - deve saper fornire sicurezza, dove possibile in patnership ma dove necessario in modo autonomo''. L'Ue, si precisa, ''deve essere in grado di impegnarsi in tutti i cinque ambienti differenti (terra, aria, mare, spazio, e multimediale)''.

Tra le varie proposte dell'Alto rappresentante dunque anche quella di rendere operative le disposizioni dell'articolo 44 del Trattato di Lisbona, vale a dire ''affidare compiti a un gruppo di Stati membri e permettere a questo gruppo di Stati di agire in nome dell'Ue''. Una proposta dettata dalla necessita' di rispondere tempestivamente alla crisi. A questa esigenza risponde l'invito di accelerare l'utilizzo dei gruppo di battaglia europei (battlegroups). A oggi, denuncia la bozza, ''devono ancora essere utilizzati'' e per questo ''si e' al lavoro per permetterne un utilizzo sul campo''. Prioritarie - e quindi da inserire nelle conclusioni di dicembre - le questioni dei droni (''probabilmente costituiranno una capacita' chiave per il futuro'') e il rifornimento di carburante in volo per gli aerei (''l'obiettivo e' ridurre la dipendenza operativa europea in quest'area'', scrive Ashton nel suo documento).

Altro punto su cui lavorare sara' quello della sicurezza cibernetica (o sicurezza informatica).

bne

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Campidoglio
Grillo: entro due giorni Raggi risolve questione di stadio Roma
Centrosinistra
Entro sabato gruppi ex Pd, pressing per convincere parlamentari
Roma
Grillo: Roma una bomba atomica, che pretendete da M5s?
Governo
Renzi: governo fa cose importanti ma se ne parla poco
Altre sezioni
Salute e Benessere
Carnevale, allarme dermatologi: attenzione a trucchi e maschere
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Nestlé eliminerà 18.000 tonn. di zucchero da prodotti entro 2020
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Una legge per istituire la Giornata del risparmio energetico
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
A Tallinn in Estonia un robot fattorino fa consegne a domicilio
TechnoFun
La Cina leader nel mondo delle app per abbellire i selfie
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech