lunedì 16 gennaio | 23:28
pubblicato il 14/feb/2012 07:08

Difesa/ Tagli a programmi e uomini: nuovo modello oggi in Cdm

Di Paola presenta revisione strumento militare, poi in parlamento

Difesa/ Tagli a programmi e uomini: nuovo modello oggi in Cdm

Roma, 14 feb. (askanews) - Tagli a uomini e programmi, per ridurre la spesa ed eliminare inefficienze. Il nuovo modello di Difesa approderà oggi in Consiglio dei ministri: Giampaolo Di Paola porterà i risultati della revisione dello strumento militare, prima di presentarsi - domani - davanti alle Commissioni riunite di Camera e Senato. Mercoledì scorso era arrivato il via libera del Consiglio Supremo di Difesa, che aveva certificato l'esigenza di "correggere con ogni possibile urgenza l'attuale sbilanciamento delle componenti strutturali di spesa, che penalizza fortemente i settori dell'esercizio e dell'ammodernamento". Fatta salva la necessità di salvaguardare le missioni internazionali, si comincerà dai programmi di armamento. Nonostante la cautela emersa in proposito al Consiglio Supremo di Difesa - "potrà essere necessario rimodulare, laddove consentito dalla possibilità e dalla convenienza economica di mantenere in servizio i mezzi esistenti, alcuni significativi programmi di investimento" -, la revisione dovrebbe interessare l'acquisizione dei Joint Strike Fighter, meglio noti come F-35. L'Italia dovrebbe acquistarne 131 per sostituire gli AV-8B, gli Amx e i Tornado. I primi tre nuovi caccia sono stati acquistati per 80 milioni di euro l'uno. Ma rispetto alla commessa originaria, almeno una trentina di velivoli dovrebbero essere tagliati. Una sforbiciata dovrebbe essere data anche al programma di acquisizione degli elicotteri NH-90 e a quello dei sommergibili U-212. Ma il taglio certamente più doloroso dovrebbe interessare gli uomini. Il modello a 190mila militari non è più sostenibile, è considerato incompatibile con le risorse a disposizione, che hanno subito una riduzione di circa 3 miliardi di dollari per il triennio 2012-2014. L'ipotesi è quella di arrivare a circa 120-130mila unità, spostando il personale in esubero - per la maggior parte ufficiali e sottufficiali - verso altre amministrazioni dello Stato. (segue)

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Bersani: Renzi non ha capito lezione, così si sbatte di nuovo
Conti pubblici
Conti pubblici, blog Grillo: Gentiloni e Padoan si dimettano
Centrodestra
Salvini: se Berlusconi preferisce Renzi, meglio soli al voto
Conti pubblici
Ue sollecita manovra correttiva. Gentiloni vede Padoan
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
L'Italia difende Fca dalle accuse tedesche: le sue auto sono in regola
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella, conto alla rovescia Anteprima Amarone
Turismo
A Singapore la gara di Danza del leone, caccia i cattivi spiriti
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Milano Moda Uomo, trionfo di righe e quadri da Missoni
Scienza e Innovazione
Rompicapo galattico per telescopio Hubble
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Milano, ripartono lavori prolungamento M1 fino a Monza Cinisello