mercoledì 22 febbraio | 09:37
pubblicato il 03/dic/2013 16:16

Difesa: nel 2014 risorse per 20.226 mln euro. Bilancio in calo del 2,3%

Difesa: nel 2014 risorse per 20.226 mln euro. Bilancio in calo del 2,3%

(ASCA) - Roma, 3 dic - Le risorse finanziarie disponibili nel bilancio della Difesa per il 2014 ammontano complessivamente a 20.226,6 mln di euro, in calo del 2,3% (pari a 475,6 mln) rispetto al bilancio 2013 approvato dal Parlamento. A risentire maggiormente della contrazione delle risorse e' la Funzione difesa - voce che comprende tutte le spese necessarie all'assolvimento dei compiti militari specifici di Esercito, Marina e Aeronautica nonche' della componente interforze - che il prossimo anno potra' contare su 14.042,1 mln di euro, circa 370 mln in meno rispetto al 2013.

E' quanto si legge nella ''Nota aggiuntiva allo stato di previsione della Difesa per l'anno 2014'' appena trasmessa dal ministro della Difesa Mario Mauro al Parlamento e che Asca ha potuto visionare.

Il documento illustra lo stato di previsione della spesa del dicastero e da' conto dell'evoluzione del quadro strategico e delle alleanze; dell'evoluzione degli impegni operativi interforze (capacita' operativa, preparazione delle forze armate e loro ammodernamento); della ripartizione delle risorse finanziarie per impegni operativi, amministrativi e per settori di spesa e dello stato di attuazione dei programmi di investimento.

La Nota si sofferma soprattutto sull'analisi della Funzione difesa, che nel 2014 vedra' un calo delle risorse disponibili, in tutto circa 14.042 mln di euro suddivisi tra spese per il personale (9.477 mln, 206 mln meno del 2013), spese per l'esercizio destinate a garantire la funzionalita' e l'efficienza dello strumento militare (1.342,3 mln, circa 7 mln in piu') e spese per l'investimento destinate all'ammodernamento quantitativo e tecnologico dello strumento militare, al suo rinnovamento e alla ricerca (3.222,7 mln di euro, circa 172 mln in meno rispetto al 2013). ''Il quadro delineato - si legge nella Nota - ribadisce la necessita' di un adeguamento organizzativo dello strumento militare nel breve periodo, per assicurarne la sostenibilita' complessiva''. Adeguamento gia' avviato dal Governo con l'obiettivo di arrivare a una ripartizione ottimale delle risorse nei diversi settori di spesa, cioe' 50% per il personale e 25 % per ciascuno dei settori dell'esercizio e dell'investimento. Obiettivo, pero', ancora lontano. lcp/gbt

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd nomina commissione congresso, Emiliano si candida a primarie
Consip
Di Maio: Renzi vuoti il sacco su donazione da Alfredo Romeo
Pd
Di Maio (M5s): elettori Pd disorientati, guardano a noi
Pd
Speranza: Emiliano resta nel Partito di Renzi, noi no
Altre sezioni
Salute e Benessere
Percorso rapido per emergenze al Fatebenefratelli Roma
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Peroni Senza Glutine sul podio del World Gluten Free Beer Award
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Al via a Verona Transpotec: espositori in crescita + 20%