domenica 04 dicembre | 09:39
pubblicato il 02/mag/2015 18:58

Depositate le liste, il 31 maggio 7 Regioni al voto

Fi divisa in Puglia, la Lega in Veneto. Rinnovo per 1.066 comuni

Depositate le liste, il 31 maggio 7 Regioni al voto

Roma, 2 mag. (askanews) - E' scaduto alle 12 di sabato il termine per la presentazione delle liste per le elezioni regionali e comunali fissate per il 31 maggio. Sono sette le regioni al voto per la scelta dei nuovi governatori e per il rinnovo dei consigli: Campania, Puglia, Toscana, Liguria, Veneto, Marche ed Umbria. Oltre mille invece i comuni. Le elezioni cadono in un momento di particolare disaffezione verso l'amministrazione locale: quasi tutti gli istituti di sondaggi rilevano che rispetto a cinque anni fa la fiducia dei cittadini è più che dimezzata.

In Veneto la sfida vede da un lato la candidata unica del centrosinistra Alessandra Moretti contro il candidato della Lega Nord e di Forza Italia, il governatore uscente Luca Zaia. Il Movimento cinque stelle candida Jacopo Berti mentre il sindaco di Verona Flavio Tosi, dopo lo strappo nel Carroccio, correrà da solo sostenuto da alcune liste civiche. Infine, ci sono Alessio Morosin per 'Indipendenza veneta' e Laura Coletti per 'L'altro Veneto'.

In Liguria Forza Italia e Lega Nord hanno trovato l'accordo per un candidato unico (Edoardo Rixi, prima scelta del Carroccio ha ritirato la candidatura dopo l'accordo tra Silvio Berlusconi e Matteo Salvini): in campo per il centrodestra unito c'è il consigliere politico di Silvio Berlusconi e deputato azzurro Giovanni Toti. Il centrosinistra, invece, ha sì la sua candidata ufficiale e vincitrice delle primarie Raffaella Paita, che ha pure l'appoggio di Ncd, ma anche un concorrente "a sinistra". E' Luca Pastorino sostenuto dal alcune liste civiche, da Sel e da Pippo Civati della minoranza dem. Per il Movimento cinque stelle si presenta, invece, Alice Salvatore.

Centrosinistra e sinistra divise anche in Toscana. Il Pd candida il governatore uscente Enrico Rossi, ma contro di lui come esponente della sinistra corre per Sel, Prc, Pdci e Comitati Tsipras Tommaso Fattori. Giacomo Giannarelli è invece il candidato del Movimento cinque stelle. Dopo un braccio di ferro tra due anime di Forza Italia il candidato azzurro per la Toscana è Stefano Mugnai, consigliere regionale uscente. Il centrodestra è comunque diviso: per Fratelli d'Italia si candida Giovanni Donzelli, per la Lega l'economista Claudio Borghi, per Udc-Ncd Giovanni Lamioni.

Nelle Marche l'ex sindaco di Pesaro Luca Ceriscioli guiderà dopo l'affermazione alle primarie la coalizione di centrosinistra contro l'ex governatore, per due legislature, dello stesso Pd Gian Mario Spacca che stavolta si candidata con alcune liste centriste sostenute da Ap e Forza Italia. Fdi-An e Lega nord corrono con un loro candidato, Francesco Acquaroli (Fdi), in ticket con il segretario regionale del Carroccio Luca Rodolfo Paolini, M5S candida Giovanni Maggi, Edoardo Mentrasti guida la formazione Altre Marche-Sinistra unita.

In Umbria il record di candidati a governatore, ben otto. La partita sarà tra Catiuscia Marini, presidente uscente, per il centrosinistra (appoggiata anche da Sel e da alcune liste civiche) e il sindaco di Assisi Claudio Ricci di Forza Italia (sostenuto anche dalla Lega Nord). Ma ci sono anche: Andrea Liberati, M5S; Michele Vecchietti (L'Umbria per un'altra Europa); Amato John De Paulis (Alternativa riformista); Simone Di Stefano (Sovranità); Giampiero Prugni (Italia dei diritti) e Aurelio Fabiani.

In Campania Vincenzo De Luca, sindaco decaduto di Salerno e vincitore delle primarie, sfiderà per il centrosinistra (sostenuto da dieci liste: Pd, Verdi, Psi, Idv, Udc, Centro democratico, Campania Libera, De Luca Presidente, Campania in Rete, Sud con De Luca) il governatore uscente di Forza Italia Stefano Caldoro (appoggiato da Fi, Ncd, Fratelli d'Italia, Caldoro presidente, Noi Sud, Democrazia cristiana, Popolari per l'Italia-Pri, Mai più Terra dei Fuochi, Vittime della giustizia e del Fisco, Lega Sud Ausonia). In campo anche Valeria Ciarambino, candidata del Movimento 5 Stelle, Angelo Ferrillo con la lista 'Mai più terra dei fuochi', Salvatore Vozza per Sel. Ci sono poi la lista "Mo" di stampo meridionalista che punta sul giornalista Marco Esposito (ex assessore della prima giunta de Magistris) e Forza Nuova che candida Michele Giliberti.

In Puglia in corsa per il centrosinistra c'è Michele Emiliano, mentre il centrodestra correrà diviso: da una parte Forza Italia e Lega che appoggiano Adriana Poli Bortone e dall'altra parte Francesco Schittulli, sostenuto da Nuovo Centrodestra e dalle liste vicine a Raffaele Fitto. Gli altri volti sono quelli di Antonella Laricchia, studentessa, che scende in campo per il Movimento cinque stelle e del consigliere comunale di Brindisi Riccardo Rossi, appoggiato da 'L'altra Puglia'.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum, quante volte è cambiata la Costituzione dal '48 a oggi
Riforme
Referendum, sfida decisiva per la madrina delle riforme Boschi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari