venerdì 09 dicembre | 06:50
pubblicato il 23/ott/2014 17:10

Delrio: "lettera Ue sta ai fatti, l' Italia non è scolaretta"

"Rinvio pareggio previsto dalle regole"

Delrio: "lettera Ue sta ai fatti, l' Italia non è scolaretta"

Roma, 23 ott. (askanews) - La lettera Ue "sta ai fatti", l'Italia non può essere trattata da "scolaretto" e ha chiesto di rinviare il pareggio come previsto dalle regole Ue. Lo ha detto il sottosegretario alla presidenza del consiglio Graziano Delrio, durante la registrazione di 'Porta a porta'.

"E' una lettera che sta ai fatti - ha spiegato - l'Italia ha chiesto più tempo perché c'è una fase eccezionale di recessione in tutta Europa, ed è previsto dalle regole che in casi eccezionali di congiuntura economica si possa chiedere all'Europa di posticipare il pareggio di bilancio. Non siamo scolaretti, siamo tra i fondatori dell'Europa, anche noi siamo l'Europa. C'è un dialogo franco con i rappresentanti dell'Unione".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Pontassieve riaccoglie Renzi: "non molli ora, deve andare avanti"
Governo
Mattarella apre consultazioni,l'arbitro silente debutta in campo
Governo
Renzi domani torna a Roma, oggi pranzo dal padre e poi a Messa
Governo
Crisi, Grillo: elezioni subito senza scuse, legge elettorale c'è
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni