domenica 04 dicembre | 17:15
pubblicato il 29/set/2014 19:18

Dellai (Pi): sindacato diviso su riforma lavoro non aiuta Paese

Doveva trovare sintesi, ora e' ancora piu' debole e marginale (ASCA) - Roma, 29 set 2014 - "La sostanziale divisione dei sindacati sul tema della riforma del mercato del lavoro, se nel breve periodo puo' essere comoda per la politica, alla lunga non aiutera' la ricostruzione del Paese e della sua capacita' di coesione e di competitivita'". Lo ha dichiarato in una nota il presidente del gruppo parlamentare 'Per l'Italia' alla Camera, Lorenzo Dellai.

"Competere nel mondo globale, come insegna la Germania, oltre che innovazione, comporta convergenza di sforzi e non - ha aggiunto - frammentazione della rappresentanza sociale. Tutti sanno che alla fine una mediazione di buon senso la politica dovra' trovarla.

Doveva essere innanzitutto il sindacato al proprio interno a trovarla, magari rilanciando le relazioni bilaterali con i datori di lavoro. Aver rinunciato a questo sforzo rende il sindacato confederale ancor piu' debole e marginale. E questo non aiuta il Paese".

Pol/Arc

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, seggi aperti in tutta Italia: sì o no a riforma Renzi
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum, quante volte è cambiata la Costituzione dal '48 a oggi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari