martedì 21 febbraio | 11:48
pubblicato il 31/lug/2014 12:53

Della Vedova (Sc): no alle preferenze, meglio i collegi

Preferenze trasformano elezioni in mercato (ASCA) - Roma, 31 lug 2014 - Le preferenze non rispondono "all'esigenza di migliorare l'impianto di una legge elettorale, che non avrebbe di che giovarsi dal recupero di un istituto, a cui la Prima Repubblica, piu' che a ogni altro, deve il suo naufragio nel malcostume della corruzione politica e nel voto di scambio come regola del patto democratico". Lo afferma Benedetto Della Vedova, sottosegretario agli Esteri, in un articolo pubblicato oggi sul quotidiano Europa. Quanto al voto di preferenza, Della Vedova dubita che gli italiani siano "desiderosi di usarlo. Alle ultime elezioni europee, su 27 milioni e rotti di voti validi le preferenze espresse sono state poco piu' di 12 milioni. Visto che era possibile esprimerne fino a tre, di generi diversi, se si ipotizza che la media di preferenze espresse sia stata di due, meno di un quarto degli elettori ha espresso preferenze".

Il voto di preferenza trasforma "la competizione elettorale in un mercato "'al dettaglio" del consenso e in un sistema di compravendita del voto, in cui il do dell'elettore sia direttamente contraccambiato dal des dell'eletto, con l'uso dei mezzi della spesa e della regolazione pubblica. Come ricorda spesso il Professor D'Alimonte l'uso del voto di preferenza divide profondamente il Nord e il Sud del Paese, piu' che gli elettorati di centro-destra e centro-sinistra. Nelle ultime elezioni regionali in Lombardia solo il 12% degli elettori che ha espresso un voto valido ha dato anche un voto di preferenza.

Nelle ultime regionali in Calabria questo dato e' stato invece dell'84%".

Le preferenze "accrescono i costi della politica, quelli pubblici e quelli privati, quelli diretti e quelli indiretti, quelli legali e quelli illegali. Sono un'eccezione, in uso in pochi e piccoli-medi stati europei, tutti rispettabili, nessuno in grado credibilmente di assurgere a modello per la soluzione dei problemi italiani. Se si vuole uscire dalla logica della lista bloccata - conclude Della Vedova - c'e' l'alternativa dei collegi e del voto uninominale, sia nella sua variante maggioritaria che in quella proporzionale (nonche' perfino in quella mista).

Parliamone apertamente".

Tor

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
M5s
Vertici M5s a Roma, possibile incontro Grillo-Raggi in Campidoglio
Pd
Enrico Letta: Pd non può finire così, attonito da cupio dissolvi
Pd
Ultime ore per arginare la scissione nel Pd, occhi su Emiliano
Pd
Rossi: io già fuori dal Pd, spero Emiliano sia conseguente
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
Verona Fiere, Evoo Days, al via il primo forum per filiera olio
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia