domenica 04 dicembre | 09:36
pubblicato il 01/ott/2011 21:03

Della Valle divide i politici, Bindi furiosa, Pdl al contrattacco

Corsaro: Scudò 107 mld.Udc plaude.Maroni:Allarme non va liquidato

Della Valle divide i politici, Bindi furiosa, Pdl al contrattacco

Roma, 1 ott. (askanews) - Divide la politica l'appello lanciato da Diego Della Valle che oggi ha comprato una intera pagina sui principali quotidiani nazionali per lanciare un attacco contro "lo spettacolo indecente" che, secondo il patron di Tods, sta dando "la buona parte degli appartenenti a tutti gli schieramenti politici", uno spettacolo "non più tollerabile da gran parte degli italiani". Infuriata contro l'imprenditore la presidente dell'Assemblea nazionale del Pd, Rosy Bindi, plaudono invece Udc, Idv e Fli. E anche il ministro dell'Interno, Roberto Maroni, condivide. Passa al contrattacco invece il Pdl. Il vicepresidente dei deputati pidiellini Massimo Corsaro ricorda come il Della Valle che oggi firma l'appello "Politici ora basta" sia lo stesso che, in realtà usufruendo di una norma varata dal governo Berlusconi nel 2009, "ha scudato 107 miliardi di euro riversandone meno di 5 nei capitali di quelle aziende per le quali si chiede quotidianamente un aiuto alle banche, allo Stato ed all'Ue". Dunque, rileva Corsaro, "il senso di responsabilità deve essere acquisito da tutti i protagonisti del dibattito pubblico". Per Fabrizio Cicchitto c'è "disegno di spazzar via le attuali forze politiche, sia quelle di centrodestra sia quelle di centrosinistra in nome non si sa bene neppure di che cosa". Vanno all'attacco dell'imprenditore anche i ministri delle Infrastrutture, Altero Matteoli ("Non merita commenti"), e della Difesa, Ignazio La Russa ("Ha bisogno di fare inserzioni perché quando parla senza pagare non lo ascolta nessuno"). Un altro ministro, quello dell'Interno, il leghista Maroni, invece non ci sta a liquidare un appello che ritiene "parzialmente condivisibile": "E' un grido di allarme di un imprenditore che tiene alto nel mondo il made in Italy e che non possiamo liquidare semplicemente. Lo stimo ed è un grande imprenditore, ha le sue opinioni e il coraggio di esprimerle pubblicamente, cosa che non tutti fanno, e gli riconosco questo merito". Contento "che ci sia una condivisione di responsabilità e un appello all'unione perché il Paese così non può andare avanti anzi va a fondo" è il leader dell'Udc, Pier Ferdinando Casini, secondo il quale è "giusto che si faccia fronte comune se c'è una buona politica e una buona imprenditoria". Per il partito di Antonio Di Pietro, l'Idv, l'appello del patron di Tods va ascoltato e il finiano Carmelo Briguglio certifica "l'abbandono di Berlusconi da parte del suo blocco sociale. Gli hanno suonato il gong, la partita del premier in nome e per conto degli industriali italiani è finita. Berlusconi ne prenda atto e passi la mano". Per il segretario della Cgil, Susanna Camusso, la lettera di Della Valle, "è indicativa della difficoltà del nostro Paese e della difficoltà del giudizio che gli imprenditori incontrano quando vanno all'estero" ma, sottolinea, "il vero problema è che una grande parte della classe dirigente è stata a lungo tempo zitta e solo oggi ci si accorge quale situazione c'è, il silenzio delle imprese per così lungo tempo è stato preoccupante". Decisamente infastidita Bindi che sbotta: "Ma non si fa in questo modo non si fa in questo modo. Ma è un avviso a pagamento su tutti i giornali? Mi dispiace che hanno speso i soldi così. Ora mi farò vedere con questa pagina e le Tods in mano, depositate da qualche parte. Mi rispetti almeno come consumatore. Sarò un'eccezione? Decida". Se il duro attacco "a pagamento" di Diego Della Valle sui maggiori quotidiani di oggi ha dunque diviso i politici con una maggioranza di contrari, il "popolo di internet" che è intervenuto con migliaia di messaggi è in grande maggioranza d'accordo con l'imprenditore marchigiano. Grazie di cuore da parte di tutte le persone oneste" scrive un lettore sul blog del Corriere della Sera. E un altro: Se avessi il denaro per pagare le pagine, ne comprerei una al giorno".La politica ha "credibilità e autorevolezza sotto le scarpe" afferma un lettore sul blog di Repubblica, mentre sul Fatto Quotidiano (oltre 500 messaggi) i commenti positivi a Della Valle ("Ci ha messo la faccia" "Oggi mi compro una decina di Tod's") si mescolano alla diffidenza verso gli imprenditori che "sputano sul piatto dove hanno sempre mangiato". Anche nel blog del Giornale di Paolo Berlusconi commenti contrastanti: "Non si può non essere d'accordo con Della Valle: in questi dieci anni i politici non hanno fatto niente e le tasse sono solo aumentate", ma anche accuse verso gli imprenditori che "fanno fare i prodotti in Cina a prezzi cinesi e poi ce li vendono a prezzi occidentali".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum, quante volte è cambiata la Costituzione dal '48 a oggi
Riforme
Referendum, sfida decisiva per la madrina delle riforme Boschi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari