sabato 03 dicembre | 23:14
pubblicato il 11/feb/2015 21:21

Delega slitta, Renzi replica a sospetti su Cav: barzellette

Fassina: "Così si tiene appeso Berlusconi"

Delega slitta, Renzi replica a sospetti su Cav: barzellette

Roma, 11 feb. (askanews) - La sorte della cosiddetta norma 'salva-Berlusconi' non si conoscerà il 20 febbraio. Il governo rinvia tutto, o meglio rinvia la parte della delega che aveva scatenato tante polemiche, e Matteo Renzi è costretto di nuovo a precisare che il leader di Fi "non c'entra niente" e che chi dice il contrario racconta "barzellette" e vive "nell'iperuranio". L'annuncio arriva nel pomeriggio, per bocca del vice-ministro all'Economia, Luigi Casero, e subito rilancia le perplessità della minoranza democratica, che a gennaio aveva chiesto a Renzi di intervenire addirittura prima dell'elezione del nuovo capo dello Stato.

"Non è bello - ha spiegato Stefano Fassina - mi rifiuto di pensare che il governo usi un decreto per condizionare il comportamento del capo dell'opposizione. Lo approvi il 20 febbraio, come previsto, perché è nocivo per la democrazia tenere appeso il capo dell'opposizione". Fassina parla apertamente, con i giornalisti, ma il pensiero che esprime è - in maniera più diplomatica - quello che circola tra tanti parlamentari della minoranza Pd: Renzi vuole tenere un'arma di pressione su Berlusconi, è il ragionamento.

Il premier, però, non ci pensa per niente ad accelerare i tempi e, anzi, va in tv a SkyTg24 per ribadire che questa parte della delega fiscale richiede un approfondimento ed entrerà in vigore solo a settembre: "Meglio non fare pasticci e verificare tutto prendendosi un po di tempo in più", avverte. "E' 70 anni che il sistema non funziona, perciò ora la studiamo meglio per non fare pasticci e la facciamo a maggio". Il punto, attacca, è che non si deve accostare la faccenda a Berlusconi: "Con Berlusconi i rapporti non sono particolarmente positivi, ma non c'entra niente... E' una barzelletta. Chi scrive di norma salva-Berlusconi vive sull'iperuranio, non c'entra assolutamente niente".

Una precisazione che difficilmente basterà a placare i sospetti della minoranza Pd, che teme un gioco delle parti sull'annunciata rottura del patto del Nazareno. Molti bersaniani, oggi, spiegavano: "Se il patto del Nazareno è davvero rotto, allora non si capisce perché non si dovrebbe rimettere mano ad alcuni punti delle riforme, a cominciare dai capilista bloccati...". E Francesco Boccia avverte: "Prendiamo atto dell'intenzione del governo di chiedere una proroga di sei mesi della scadenza della delega fiscale prevista per il 27 marzo; abbiamo, dunque, altri sei mesi per occuparci seriamente dei contribuenti italiani e delle nostre imprese. Basta con l'ossessione fuori luogo della frode fiscale e dell'ormai famoso 3%".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Riforme
Referendum, sfida decisiva per la madrina delle riforme Boschi
Riforme
Referendum, Salvini cavalca no per battezzare destra trumpista
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari