martedì 21 febbraio | 13:27
pubblicato il 04/feb/2014 19:22

Delega fiscale: via libera Senato a ddl, che torna a Camera (2 upd)

Delega fiscale: via libera Senato a ddl, che torna a Camera (2 upd)

(ASCA) - Roma, 4 feb 2014 - Con 167 voti a favore, 12 contrari e 50 astenuti l'assemblea del Senato ha approvato il ddl sulla delega fiscale. Il provvedimento torna ora all'esame della Camera in terza lettura.

Hanno votato contro il ddl i senatori della Lega Nord, mentre si sono astenuti quelli di Sel e M5S, favorevoli gli altri.

Il provvedimento, che nel passaggio al Senato ha subito alcune modifiche da parte della commissione Finanze e dall'Aula, configura una vera e propria riforma del fisco italiano che dovra' poi essere attuata attraverso i decreti delegati del governo. Tra i principali punti, il sistema delle detrazioni, quello delle sanzioni, il rapporto tra Equitalia e gli Enti locali e le norme per la lotta all'evasione fiscale. Nel capitolo degli sgravi il passaggio al Senato ha introdotto l'obbligo per il governo di assicurare ''la razionalizzazione e la riforma della destinazione dell'8 per mille''.

La delega fiscale comprende inoltre l'attesa riforma del Catasto, attesa anche ai fini dell'applicazione della nuova service tax approvata con la legge di stabilita'. Con la riforma il calcolo del valore catastale e della categoria non si basera piu' sul numero di vani, ma sui metri quadrati dell'abitazione. A determinare la rendita finale sara' una formula matematica che terra' conto di una serie di elementi, tra i quali la collocazione dell'immobile e il valore di mercato. Tra le modifiche apportate in commissione il regime fiscale agevolato che incentivi anche la realizzazione di opere di adeguamento degli immobili alla normativa in materia di sicurezza e di riqualificazione energetica e architettonica e disposizioni piu' stringenti contro la ludopatia e il gioco d'azzardo.

Sempre inerente i giochi l'emendamento approvato dall'Aula che pone il veto alla pubblicita' nelle trasmissioni radiotelevisive per giochi che prevedono vincite in denaro, il tutto nel rispetto dei principi Ue a tutela dei minori e per evitare l'induzione di comportamenti compulsivi.

sgr/njb

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Enrico Letta: Pd non può finire così, attonito da cupio dissolvi
Pd
Ultime ore per arginare la scissione nel Pd, occhi su Emiliano
Pd
Rossi: io già fuori dal Pd, spero Emiliano sia conseguente
Pd
Pd, Prodi: la scissione è un suicidio, non posso rassegnarmi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Olio extravergine, a Sol d'Oro Emisfero Nord Italia batte Spagna 12 a 3
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia