lunedì 23 gennaio | 18:01
pubblicato il 08/apr/2014 21:27

Def: Renzi, ''quattordicesima'' a italiani da spending review, Iva e banche

Def: Renzi, ''quattordicesima'' a italiani da spending review, Iva e banche

(ASCA) - Roma, 8 apr 2014 - Il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, illustra il Documento di economia finanza esaminato dal Cdm e assicura che il governo sta mantenendo gli impegni presi: dalla riduzione della spesa pubblica per abbassare l'Irpef al taglio degli enti inutili. Renzi ha chiamato ''la quattordicesima degli italiani'' gli 80 euro in busta paga per i redditi che non superano i 1.500 euro al mese. Il taglio dell'Irpef, come previsto dal Documento, sara' coperto dalla spending review per 4,5 miliardi di euro e per 2,2 miliardi dall'aumento del gettito Iva e dall'aumento della tassazione della rivalutazione delle quote di Bankitalia''. Annunciando che il provvedimento sara' varato dal governo il prossimo 18 aprile, il presidente del Consiglio ha fatto sapere che ''ci sara' anche una soluzione tecnica che riguarda i cosiddetti incapienti''. I tagli alla spesa e' previsto che diano risparmi per circa 4,5 miliardi nel 2014, 17 nel 2015 e 32 nel 2016. Tra i tagli previsti anche quello degli enti 'inutili' e dei loro membri e il tetto agli stipendi dei manager. A dare maggiore gettito Iva sara' invece il completamento del pagamento dei debiti della PA. Anche le privatizazioni porteranno introiti pari a 0,7 punti percentuali di PIL all'anno dal 2014 e sino al 2017. Non sono poi previsti tagli lineari alla salute, ha assicurato Renzi precisando che, anzi, la spesa per la salute in prospettiva crescera'. Nel Def vengono inoltre riviste al ribasso le stime sul Pil, per il quale si prevede una crescita dello 0,8% nel 2014 (contro l'1,1% valutato precedentemente), mentre si conferma che sul fronte del rapporto deficit/Pil resteremo nei parametri Ue, il 2,6%. Una buona parte del Def, nella parte del Pnr, e' dedicata alle riforme che Renzi ha definito ''la pre-condizione per la ripresa economica''. ''Confermo in questa sede tutti gli impegni che ci siamo presi'' ha quindi dichiarato il presidente del Consiglio. ''Il decreto lavoro lo abbiamo fatto a marzo, la Pubblica Amministrazione ad aprile, faremo il fisco a maggio e la giustizia a giugno'', ha aggiunto Renzi confermando anche lo 'sforbicia-Italia', l'impegno ''a ridurre gli Enti e i membri dirigenti nominati''. PADOAN, LA FINANZA PUBBLICA E' A POSTO. I conti pubblici dell'Italia sono a posto. E' quanto ha sottolineato il ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan nella conferenza stampa per illustrare il Def. Il responsabile dell'economia si e' poi soffermato sulla dinamica del debito pubblico indicando i motivi per i quali nel 2013 e' aumentato. In primo luogo il contributo dell'Italia al fondo europeo salva Stati. Poi il pagamento dei debiti della PA verso i fornitori che e' una misura che ''e' stata sollecitata dall'Europa''. Padoan ha poi sottolineato ''l'andamento poco soddisfacente'' del pil e anche della stessa inflazione. Il ministro dell'economia ha detto che ''con un tasso di inflazione al 2% e una crescita del pil dell'1% gia' metterebbe il debito sulla strada della discesa''. E le privatizzazioni, dopo quelle avviate per Enav e Poste ''che sono in fase avanzata'' proseguiranno. ''Le privatizzazioni vanno avanti - ha detto il ministro -. Enav e Poste sono in fase avanzata. Le privatizzazioni continueranno e il ricavato andra' a scalare sul debito''. Quanto all'Ue, ''per cambiare le regole in Europa serve il rispetto dei partner'' e per questo ''si devono mantenere gli impegni''. Padoan ha indicato che ''in un certo senso vogliamo provare a cambiare le regole'' in Europa e per cambiare le regole bisogna avere il rispetto dei partner. Tutto questo passa ''per la serieta' con cui gli impegni vengono portati avanti sulla finanza pubblica e le riforme. Il programma esposto va esattamente in questa direzione ed e' il tema che porteremo durante il semestre europeo a presidenza italiana''. did/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Conti pubblici
Berlusconi: nuova manovra? Rimasti conti da pagare di Renzi
Pd
Pd nega tensione Renzi-Gentiloni su Agcom:non c'è inciucio con Fi
Usa
Gentiloni: Trump? Collaboreremo ma abbiamo i nostri valori
Governo
Gentiloni: D'Alema non aiuta la discussione, troppo polemico
Altre sezioni
Salute e Benessere
Digital Magics cede partecipazione in ProfumeriaWeb a Free Bird
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Tutti a Montefalco per l'Anteprima Sagrantino
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Sugli sci trainati dal drone: arriva il droneboarding
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4