martedì 17 gennaio | 06:16
pubblicato il 17/apr/2014 15:34

Def: M5S, solo manovra elettoralistica, votiamo contro austerita' Renzi

(ASCA) - Roma, 17 apr 2014 - ''Il Def di Renzi e' solo l'ennesima manovra elettoralistica di un governo esecutore dei diktat di austerity imposti da Bruxelles, Francoforte e Berlino. Esattamente come i suoi predecessori. Il ministro dell'Economia Padoan chiede un anno in piu' per inginocchiarsi di fronte al totem del pareggio strutturale di bilancio, dal 2015 e 2016. Una tiratina a una coperta che resta corta, cortissima, e che scopre la miseria di manovre finanziarie che fingono di elargire da una parte e tolgono dall'altra. I nostri politici ci hanno incaprettato: la corda lega mani, piedi e passa intorno al collo. Basta muoversi per strozzarsi da soli. Padoan, pero', si appella adesso alla legge di attuazione del nuovo articolo 81 della Costituzione che consente, in periodo di grave recessione, di ritardare il rientro sul pareggio di bilancio. Poteva essere l'occasione storica di una coraggiosa richiesta di deroga agli accordi per il bene del Paese''. E' quanto si legge in una nota congiunta del Movimento 5 Stelle alla Camera e al Senato. ''Invece diventa il solito strumento di campagna elettorale. Anche il M5S si era avvalso di quella legge, circa un mese fa, per chiedere di sforare il parametro del 3% sul deficit/Pil. Avevamo presentato una mozione, ma la maggioranza ha bocciato la possibilita' di riattivare gli investimenti virtuosi per le scuole, per gli ospedali, per le piccole opere sul territorio, per il welfare, contro la poverta' crescente e per un reddito di cittadinanza. Per quella manutenzione materiale e sociale ordinaria, insomma, di cui un Paese franato come il nostro ha estremo bisogno.

Ora Padoan - proseguono i gruppi parlamentari M5S - si ispira alla nostra mozione per coprire qualche trucchetto contabile dal sapore elettoralistico, qualche regalia senza coperture''. ''Il M5S vota contro un Def che abbatte gli investimenti pubblici e con una disoccupazione che non cala. Noi votiamo contro un Def che vede ancora salire la pressione fiscale e non vede calare il debito. Noi votiamo contro l'ennesimo Def che nasconde l'austerity finanziaria dietro un paravento di promesse a vuoto. Il M5S andra' in Europa per far saltare il Fiscal compact e ricontrattare gli altri Trattati capestro che danneggiano gli interessi dei cittadini'', conclude la nota.

com/vlm

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Bersani: Renzi non ha capito lezione, così si sbatte di nuovo
Conti pubblici
Conti pubblici, blog Grillo: Gentiloni e Padoan si dimettano
Centrodestra
Salvini: se Berlusconi preferisce Renzi, meglio soli al voto
Conti pubblici
Ue sollecita manovra correttiva. Gentiloni vede Padoan
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
L'Italia difende Fca dalle accuse tedesche: le sue auto sono in regola
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella, conto alla rovescia Anteprima Amarone
Turismo
A Singapore la gara di Danza del leone, caccia i cattivi spiriti
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Milano Moda Uomo, trionfo di righe e quadri da Missoni
Scienza e Innovazione
Rompicapo galattico per telescopio Hubble
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Milano, ripartono lavori prolungamento M1 fino a Monza Cinisello