lunedì 05 dicembre | 15:38
pubblicato il 06/mag/2013 19:34

Def: Ghedini, sancisce percorso virtuoso, ora servono crescita e lavoro

Def: Ghedini, sancisce percorso virtuoso, ora servono crescita e lavoro

(ASCA) - Roma, 6 mag - ''Il Documento di Economia e finanza che il Parlamento si appresta ad approvare attesta in sostanza il lavoro svolto dal governo Monti per il risanamento di bilancio. Come ha gia' annunciato il premier Letta, sara' necessario approvare al piu' presto un'integrazione al DEF che contenga proposte programmatiche compiute per il breve e medio periodo''. Lo ha detto nell'Aula del Senato la senatrice del Pd Rita Ghedini, relatrice al DEF.

''In questo contesto riteniamo che la crescita sia la condizione essenziale per recuperare competitivita' e livelli occupazionali di standard europeo e per affrontare con successo il percorso di rientro del debito pubblico che l'Europa richiede - ha aggiunto Ghedini -. Dall'analisi del documento risulta evidente come le misure di stabilizzazione da sole non potranno essere risolutive, ne' gli obiettivi di finanza pubblica raggiunti e mantenuti in assenza dell'innalzamento del potenziale dell'economia, mentre e' necessario concentrare l'attenzione sul sostegno all'occupazione, in particolare giovanile''.

''Il quadro di finanza pubblica delineato dal DEF - ha spiegato Rita Ghedini - risulta complessivamente positivo, soprattutto se paragonato con la situazione emergenziale del secondo semestre del 2011. Il raggiungimento del pareggio di bilancio in termini strutturali e' previsto gia' nel 2013. Il mantenimento del deficit in termini nominali per quest'anno e per gli anni successivi al di sotto del limite del 3,0 per cento consentira', intorno alla meta' giugno, all'Italia di uscire dalla procedura di deficit eccessivo. Sulla base di questo, e con la conferma del pareggio di bilancio in termini strutturali e di indebitamento netto al di sotto del 3 per cento per gli anni 2014 e 2015, l'Italia potra' chiedere alle istituzioni europee di beneficiare di maggiori margini di flessibilita' rispetto alle regole di bilancio, recuperando risorse per gli investimenti indispensabili a far ripartire l'economia. Accanto all'emergenza di misure per il lavoro e la crescita, occorre poi segnalare l'urgenza del potenziamento delle misure e degli strumenti di lotta all'evasione fiscale e alla corruzione fiscale - ha concluso Rita Ghedini - indispensabili a recuperare una parte consistente di quei 180 miliardi di euro che oggi sfuggono al circuito dell'economia legale e che potrebbero ridurre il dato sulla pressione fiscale''. com-njb

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, Di Maio: da domani al lavoro per futuro governo M5s
Riforme
Referendum, Renzi: ho perso io e mi dimetto, ma senza rimorsi
Riforme
Referendum,Si:respinti rappresentanti no a scrutinio voto estero
Riforme
Referendum, Grillo: addio Renzi, ha vinto la democrazia
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari