domenica 22 gennaio | 05:06
pubblicato il 06/mag/2013 19:34

Def: Ghedini, sancisce percorso virtuoso, ora servono crescita e lavoro

Def: Ghedini, sancisce percorso virtuoso, ora servono crescita e lavoro

(ASCA) - Roma, 6 mag - ''Il Documento di Economia e finanza che il Parlamento si appresta ad approvare attesta in sostanza il lavoro svolto dal governo Monti per il risanamento di bilancio. Come ha gia' annunciato il premier Letta, sara' necessario approvare al piu' presto un'integrazione al DEF che contenga proposte programmatiche compiute per il breve e medio periodo''. Lo ha detto nell'Aula del Senato la senatrice del Pd Rita Ghedini, relatrice al DEF.

''In questo contesto riteniamo che la crescita sia la condizione essenziale per recuperare competitivita' e livelli occupazionali di standard europeo e per affrontare con successo il percorso di rientro del debito pubblico che l'Europa richiede - ha aggiunto Ghedini -. Dall'analisi del documento risulta evidente come le misure di stabilizzazione da sole non potranno essere risolutive, ne' gli obiettivi di finanza pubblica raggiunti e mantenuti in assenza dell'innalzamento del potenziale dell'economia, mentre e' necessario concentrare l'attenzione sul sostegno all'occupazione, in particolare giovanile''.

''Il quadro di finanza pubblica delineato dal DEF - ha spiegato Rita Ghedini - risulta complessivamente positivo, soprattutto se paragonato con la situazione emergenziale del secondo semestre del 2011. Il raggiungimento del pareggio di bilancio in termini strutturali e' previsto gia' nel 2013. Il mantenimento del deficit in termini nominali per quest'anno e per gli anni successivi al di sotto del limite del 3,0 per cento consentira', intorno alla meta' giugno, all'Italia di uscire dalla procedura di deficit eccessivo. Sulla base di questo, e con la conferma del pareggio di bilancio in termini strutturali e di indebitamento netto al di sotto del 3 per cento per gli anni 2014 e 2015, l'Italia potra' chiedere alle istituzioni europee di beneficiare di maggiori margini di flessibilita' rispetto alle regole di bilancio, recuperando risorse per gli investimenti indispensabili a far ripartire l'economia. Accanto all'emergenza di misure per il lavoro e la crescita, occorre poi segnalare l'urgenza del potenziamento delle misure e degli strumenti di lotta all'evasione fiscale e alla corruzione fiscale - ha concluso Rita Ghedini - indispensabili a recuperare una parte consistente di quei 180 miliardi di euro che oggi sfuggono al circuito dell'economia legale e che potrebbero ridurre il dato sulla pressione fiscale''. com-njb

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Prodi: alla sinistra serve un nuovo riformismo
Governo
Grasso: legislatura duri fino a 2018 per recuperare tempo perduto
Pd
Guerini: Bene Prodi. Ora il Mattarellum, è lo strumento migliore
Parma
Pizzarotti: mi ricandido, non lascio un buon lavoro a metà
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4