mercoledì 07 dicembre | 23:18
pubblicato il 09/apr/2014 17:03

Def: Fratoianni (Sel), nessuna misura forte contro disoccupazione

(ASCA) - Roma, 9 apr 2014 - ''Insomma la delusione e' grande: non ci sono quelle misure forti ed incisive che sarebbero state necessarie per contrastare la crisi e per rilanciare l'economia e creare lavoro, il vero dramma dell'Italia di oggi. Il Def del governo Renzi e' totalmente inadeguato. E' un documento che risulta vecchio, rituale, in continuita' con quelli precedenti. Rispetto alle attese il Def contiene pochissime misure significative''. Lo afferma Sinistra Ecologia Liberta' con il coordinatore nazionale Nicola Fratoianni, aggiungendo. ''E' tutto dentro la cornice delle politiche di austerita'- prosegue - non ci sono misure anticicliche che abbiano un impatto reale sulla ripresa dell'economia. Non si utilizza il margine del 3% del rapporto deficit PIL per finanziare gli investimenti e fare politiche pubbliche di sviluppo. La crescita del PIL e' sovrastimata: prevedono una crescita dello 0,8% mentre il Fondo monetario ci da' allo 0'6%. E sara' purtroppo sicuramente di meno''.

''Non c'e' nemmeno una stima, ed e' grave questa assenza, sui tagli dei prossimi anni quando dovremo fare i conti con gli effetti del fiscal compact, insomma viene messa la polvere sotto il tappeto'', aggiunge Fratoianni per il quale ''nonostante le tanto sbandierate misure per il lavoro (che lo precarizzano ulteriormente) si prevede che la disoccupazione aumenti nel 2014 e diminuisca impercettibilmente nel 2015''. ''Anche l'innalzamento della tassazione delle rendite al 26% - scrive ancora - , di per se' giusta, invece di avere un impatto redistributivo a favore dei redditi piu' bassi beneficiera' le imprese con la riduzione del 10% dell'Irap.

Si mantiene poi sotto silenzio una notizia che potrebbe avere ffetti drompenti sul welfare quando si prevedono oltre 4 miliardi di tagli alla sanita' nei prossimi tre anni''.

Quindi aggiunge: ''Continuiamo a non rispettare gli obiettivi (occupazione, energie pulite, lotta all'abbandono scolastico,investimenti nella ricerca, percentuale di laureati, ecc) di Europa 2020. Le spese militari vengono solo sfiorate (tagli di 300 milioni) e della riduzione degli F35 non c'e' assolutamente traccia. Rimangono solo gli slogan per fare i titoli dei giornali''. com-sgr/sam/ss

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Fi
Fi, Berlusconi ricoverato. Zangrillo: stress, a breve dimesso
L.Bilancio
L.Bilancio, governo pone fiducia in aula Senato su art.1
Pd
Pd, Orfini: ok sostegno militanti ma sia senza rabbia
Governo
Consultazioni Mattarella fino a sabato, chiudono Fi M5s e Pd
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni