domenica 04 dicembre | 16:03
pubblicato il 11/apr/2013 10:35

Def: Brunetta, provvedimento inutile. Serve governo politico

Def: Brunetta, provvedimento inutile. Serve governo politico

(ASCA) - Roma, 11 apr - ''Il Def approvato ieri dal Consiglio dei ministri e' ''tre volte inutile: inutile per il passato, inutile per il presente e inutile per il futuro''. Lo scrive Renato Brunetta, capogruppo del Pdl alla Camera, in un editoriale pubblicato da ''Il Giornale''. ''Per il passato - sottolinea - perche' non serve a nulla ricordare i risultati (fallimentari) di un governo che il popolo italiano ha gia' giudicato, con grande chiarezza, il 24 e 25 febbraio 2013. E su cui il presidente del Consiglio non fa alcuna autocritica. Si pensi all'overshooting della riforma delle pensioni, vale a dire il sovradimensionamento delle misure adottate, fino a compromettere il raggiungimento dei risultati sperati (vedi la tragica vicenda degli esodati); si pensi agli effetti devastanti, in termini di distruzione di posti di lavoro, della riforma del mercato del lavoro; e si pensi a tutte le nuove tasse introdotte nel nostro sistema fiscale nell'ultimo anno, a partire dall'Imu sulla prima casa (e non solo...)''.

Continua il capogruppo del Pdl ala Camera: ''Inutile per il presente perche' si tratta di un atto che il governo ha dovuto necessariamente approvare, date le scadenze europee, ma che non presenta, di fatto, alcun contenuto di valore. E che dovra' essere riscritto di sana pianta dal prossimo esecutivo, non appena avra' ottenuto la fiducia del Parlamento su un programma chiaro e definito. In questo caso la responsabilita' non e' tanto del presidente dimissionario Mario Monti, quanto di chi ha bloccato, ad oggi per 45 giorni, la formazione di un nuovo governo. Vale a dire la sinistra irresponsabile e avventurista di Pierluigi Bersani''.

Conclude Brunetta: ''Inutile per il futuro perche' non indica alcun cambiamento di rotta, bensi' uno sterile e colpevole continuismo rispetto alla politica economica imposta ai paesi sotto attacco speculativo dall'Europa a trazione tedesca e fino ad oggi passivamente riprodotta nel nostro Paese. Dobbiamo voltare pagina, con la massima celerita' possibile. E per questo occorre un governo politico forte, stabile, sostenuto da un'ampia maggioranza in Parlamento e che non sia schiavo dei pregiudizi, ma capace di far valere tutto il peso del nostro paese in Europa''.

com-gar/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, seggi aperti in tutta Italia: sì o no a riforma Renzi
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum, quante volte è cambiata la Costituzione dal '48 a oggi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari