sabato 25 febbraio | 10:47
pubblicato il 15/apr/2014 18:18

Def: Brunetta, non puo' essere approvato nella sua attuale versione

(ASCA) - Roma, 15 apr 2014 - ''Come rilevato oggi da Banca d'Italia nell'audizione sul Def svolta presso le Commissioni Bilancio riunite di Camera e Senato, i risparmi derivanti dal processo di revisione della spesa illustrato nel Piano Nazionale di Riforma contenuto nel Def 2014 (pari a 4,5 miliardi nel 2014; 17 miliardi nel 2015 e 32 miliardi a decorrere dal 2016), non saranno sufficienti a coprire gli effetti finanziari del decreto Legge ''taglia Irpef' che il presidente Renzi intende approvare in Consiglio dei ministri venerdi' prossimo''. Lo dichiara in una nota Renato Brunetta, presidente dei deputati di Forza Italia.

''Ecco perche'. Il provvedimento annunciato dal governo, relativo all'incremento delle detrazioni Irpef, rechera' oneri pari a 6,6 miliardi nel 2014 e a 10 miliardi a decorrere dal 2015. A questi bisogna aggiungere gli oneri derivanti da altri atti normativi (Legge di stabilita' per il 2014 e D.L. 4/2014), nonche' dalle cosiddette ''esigenze indifferibili' (relative a materie quali lavoratori socialmente utili, autotrasporto, cassa integrazione in deroga, fondo per le politiche sociali, fondo per la non autosufficienza, missioni di pace, scuole paritarie) che il governo si e' impegnato a ''coprire' esclusivamente attraverso riduzioni di spesa. Si tratta di 500 milioni per il 2014; 10,4 miliardi per il 2015 e 17,9 miliardi nel 2016. Ne deriva che, per rispettare tutti gli impegni presi - prosegue Brunetta -, il governo ha bisogno di reperire, attraverso Spending review, risorse per 7,1 miliardi (6,6 da decreto Irpef + 0,5 gia' impegnati) nel 2014; 20,4 miliardi (10 da decreto Irpef + 10,4 gia' impegnati) nel 2015; 27,9 miliardi (10 da decreto Irpef + 17,9 gia' impegnati) nel 2016''. ''Renzi ha ipotizzato, abbiamo visto, risparmi per 4,5 miliardi nel 2014; 17 miliardi nel 2015 e 32 miliardi a decorrere dal 2016. Resta uno ''scoperto' di 2,6 miliardi (7,1 impegnati - 4,5 ''disponibili') nel 2014 e di 3,4 miliardi (20,4 impegnati - 17 ''disponibili'). Per non parlare delle risorse (altri 7 miliardi) che il governo deve reperire per adempiere alla regola della spesa prevista dai Trattati europei, tenendo conto dell'avvertimento che la Commissione Ue ha gia' inviato all'Italia lo scorso 5 marzo 2014. Il Def quindi e' sbagliato, presenta quantificazioni errate e incoerenti dei saldi di finanza pubblica e non puo' essere approvato nella sua attuale versione. Di tutto questo il presidente del Consiglio dovra' rendere conto al Parlamento, al presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, e alla Commissione europea'', conclude Brunetta.

com/vlm

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Centrosinistra
D'Alema: con Orlando segretario Pd si riaprirebbe dialogo
Governo
Guerini: assurdo legare data primarie Pd a elezioni politiche
Campidoglio
Grillo: forza Virginia, giornalisti rispettino privacy Raggi
Pd
Pd, commissione unanime: primarie 30 aprile. Renziani: via alibi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech