venerdì 20 gennaio | 17:02
pubblicato il 17/apr/2014 11:36

Def: Brunetta, caro Padoan, la tempesta e' nei conti pubblici

(ASCA) - Roma, 17 apr 2014 - ''Nella lettera inviata ieri alla Commissione europea per comunicare il rinvio del pareggio di bilancio dal 2015 al 2016, il ministro dell'Economia e delle finanze, Pier Carlo Padoan, ha commesso almeno 3 errori''. Lo dichiara in una nota Renzato Brunetta, capogruppo di Forza Italia alla Camera.

''1) Il pagamento dei debiti della PA e' gia' stato riconosciuto ''fattore attenuante' in sede di valutazione della conformita' del bilancio dello Stato con i criteri di deficit e debito del Patto di Stabilita' e Crescita lo scorso 18 marzo 2013, quando in una dichiarazione congiunta il Commissario per gli affari economici e monetari dell'Ue, Olli Rehn, e il vicepresidente della Commissione, Antonio Tajani, avevano autorizzato il pagamento, tra il 2013 e il 2014, di 40 miliardi di debiti della PA da parte del governo Monti, allora in carica per gli affari correnti. Ad oggi, se aggiungiamo ai 23,5 miliardi di debiti effettivamente pagati alle imprese - prosegue Brunetta -, gli addizionali 13 miliardi cui si fa riferimento nel Def di Renzi-Padoan, siamo ancora ben al di sotto dell'obiettivo iniziale di 40 miliardi gia' autorizzati. Per questo motivo, quindi, e per il fatto che si tratta di una operazione una tantum da effettuare nel 2014, non possono essere i 13 miliardi di pagamento dei debiti della PA che determinano l'aumento del deficit strutturale nel 2015''. ''2) Nella lettera inviata ieri dal ministro alla Commissione europea non c'e' alcuna spiegazione dettagliata del piano di rientro verso l'obiettivo programmatico richiesto dall'articolo 6 della Legge n. 243/2012. Alla luce del peggioramento dei saldi di finanza pubblica emerso dal Def e del rinvio di ogni valutazione su quest'ultimo da parte della Commissione europea al prossimo 2 giugno, come fara', il ministro Padoan, a giustificare il decreto che il governo italiano intende varare domani con riferimento al ''bonus' Irpef piu' volte annunciato dal presidente del Consiglio Renzi?'', si chiede il capogruppo FI alla Camera.

''3) Quello delle comunicazioni alla Commissione europea non e' un capriccio politico: trattasi di procedure previste dalla normativa nazionale (la citata Legge n. 243/2012) ed europea, di cui la lettera del governo di ieri e', al di la' dei contenuti, parte sostanziale. A cio' si aggiunge il fatto che il ministro dell'Economia, da un lato martedi' 15 aprile in audizione davanti alle Commissioni bilancio riunite di Camera e Senato ha dichiarato: ''e' stata inviata notifica formale' del rinvio del pareggio di bilancio, dall'altro la lettera riporta data 16 aprile 2014, vale a dire il giorno successivo. Se per il ministro Padoan tutto questo e' tempesta in un bicchiere d'acqua, lo beva tranquillamente. Da parte mia nessun inquinamento. La tempesta, e il ministro lo sa - concude Brunetta -, e' nei conti pubblici italiani''. com/vlm

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd, correnti in tensione su voto subito e leadership Renzi
Craxi
Berlusconi: mi manca Craxi, è stato vittima di un golpe
Terremoto
M5s cancella mobilitazione giorno decisione Consulta su Italicum
Terremoti
Terremoto, Finocchiaro: stanziati 30 milioni per l'emergenza
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
Audi, 8 milioni di vetture prodotte con la trazione "quattro"
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Delrio: "Proporrò sconti sugli abbonamenti del trasporto locale"