mercoledì 18 gennaio | 01:04
pubblicato il 04/dic/2015 15:31

De Siervo: su Consulta sistema politico un po' irresponsabile

"Prevale la lotta politica. Le candidature vanno studiate meglio"

De Siervo: su Consulta sistema politico un po' irresponsabile

Roma, 4 dic. (askanews) - "Vicende del genere purtroppo sono ricorrenti. Negli ultimi 30 anni, che io ricordi, è già successo in almeno tre occasioni un ritardo da parte del Parlamento. Ma questo succede perché il nostro sistema politico è un po irresponsabile, è un sistema in cui le esigenze della lotta politica prevalgono sulle esigenze generali". Lo ha detto il presidente emerito della Corte costituzionale, Ugo De Siervo, ai microfoni del Gr1 Rai, commentando l'impasse in Parlamento per l'elezione di tre giudici della Consulta.

"Poi - ha proseguito - forse le candidature vanno studiate con un po più di partecipazione generale. Se il quorum richiesto è del 60%, le forze politiche devono pensare per tempo a profili personali e culturali più accettabili, magari evitando politici a breve termine o persone che vogliono semplicemente soddisfare le loro pur legittime ambizioni".

"Chi è un parlamentare in carica - ha spiegato De Siervo - forse ha qualche difficoltà a entrare nei meccanismi della Corte. Ci vorrebbe un minimo di distacco tra ruoli di deputato o senatore e giudice costituzionale. E ci vorrebbe anche più attenzione all'età dei candidati. Ricordo che la durata della carica è di 9 anni, dunque è richiesta lucidità di giudizio per tutto il mandato, lucidità che le persone più avanti con gli anni magari non possono garantire".

"La Corte costituzionale - ha ricordato ancora de Siervo - è fatta da 15 giudici. Il numero legale per la partecipazione alle sedute è di 11. Il che significa che in assenza dei tre giudici di nomina parlamentare, basta che due componenti si ammalino e la Corte non può lavorare né deliberare".

"Altra cosa - ha osservato il presidente emerito - il ritardo del Parlamento crea una distorsione nella composizione della Corte, perché diventano prevalenti i giudici nominati dalle alte magistrature e dal presidente della Repubblica, dunque viene a mancare la sensibilità politica della Corte richiesta dalla Costituzione. E infine, la Corte lavora tanto, anche se non lo dice. Il fatto che non sia al completo comporta un carico di lavoro non indifferente per i giudici".

"Sulla costituzionalità non mi pronuncio, come ex giudice non mi piace dare consigli ai giudici in carica. In ogni caso, non darei così per scontato che l'Italicum venga giudicato dalla Corte. Succederà se i giudici ordinari solleveranno la questione, ma finora non l'hanno fatto", ha sottolineato inoltre il presidente emerito della Corte costituzionale, commentando l'ipotesi secondo cui dietro l'impasse per l'elezione dei tre giudici ci sia il tentativo da parte della maggioranza di blindare l'Italicum nominando giudici favorevoli in partenza alla nuova legge elettorale.

"E comunque, alla fine, il Parlamento deve fare buone leggi, non certo selezionare giudici solo per non far giudicare le leggi che produce", ha concluso De Siervo.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Quirinale
Mattarella da oggi in Grecia in visita ufficiale
Nato
Mattarella:Nato straodinariamente importante per pace e sicurezza
M5s
Nasce Sharing Rousseau, Di Maio: "Intelligenza collettiva M5s"
Ue
Presidenza Europarlamento: al ballottaggio Tajani e Pittella
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Moda, nasce Brandamour, nuovo polo del lusso Made in Italy
Scienza e Innovazione
Nell'Universo ci sono almeno due trilioni di galassie
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa