lunedì 05 dicembre | 18:19
pubblicato il 31/mag/2011 05:10

De Magistris trionfa a Napoli: Città liberata,io sindaco di tutti

"Non sarò dell'Idv, su Giunta decido io". Lettieri gli telefona

De Magistris trionfa a Napoli: Città liberata,io sindaco di tutti

Napoli, 31 mag. (askanews) - Con il 65,4% Luigi De Magistris trionfa su Gianni Lettieri e conquista la poltrona di sindaco di Napoli. Una vittoria "al di là di ogni aspettativa" per l'ex pm che si dice "profondamente commosso" e parla di "una città liberata" e di "vittoria del popolo napoletano". Lo sconfitto, il candidato del centrodestra, riconosce una "vittoria inequivocabile", si complimenta al telefono con il neo primo cittadino e si concede ai cronisti soltanto pochi minuti, lasciato praticamente da solo a mettere la faccia a una sconfitta, fino a un mese fa, inaspettata. "Abbiamo scassato". Il refrain ripetuto da De Magistris già dopo l'esito del primo turno delle elezioni inizia a risuonare nel comitato elettorale quando si capisce che la vittoria c'è ma soprattutto che è una vittoria larghissima. Più larga di quella di Giuliano Pisapia a Milano. L'ex pm si presenta poco dopo le 17 in sala stampa, annunciato dal leader dell'Idv, Antonio Di Pietro, che esce per primo per placare la ressa dei cronisti: "Quello che è avvenuto a Napoli è sensazionale, i cittadini con grande senso di responsabilità hanno mandato a dire alla politica che chi sbaglia va a casa". Di Pietro si dice "orgoglioso che l'Idv metta a disposizione di Napoli e quindi del Paese un proprio figlio politico, che tra l'altro ho allevato" ma assicura: "A De Magistris non chiederò oggi, né domani, né dopodomani chi formerà la sua giunta ma chiederò solo di scegliere persone dalle mani pulite". E la conferma che così sarà e che quella a Napoli è una vittoria soprattutto di De Magistris la dà il neo sindaco: "E' giusto che Di Pietro festeggi, come è giusto che lo facciano gli esponenti politici della seconda e della terza ora, ma io non sarò il sindaco dell'Italia dei Valori. Sospenderò, infatti, tutte le tessere e gli incarichi di partito come è giusto che sia". I numeri della vittoria spazzano via anche i sospetti di un Pd non interamente schierato a suo favore per una questione di consiglieri (con l'affermazione dell'esponente Idv ai democratici vanno solo 4 seggi). De Magistris evita ogni polemica con Antonio Bassolino, incassa i complimenti del suo predecessore Rosa Russo Iervolino e ringrazia tutti i partiti che l'hanno sostenuto. Ribadisce che vorrebbe l'esponente del Terzo Polo Raimondo Pasquino presidente del Consiglio comunale ma sulla composizione della Giunta, fa sapere, "sentirà i partiti" ma alla fine deciderà "in piena libertà, autonomia e indipendenza" proprio come faceva "da magistrato": "Non sarà una giunta ideologica, né dell'Idv. Sarà aperta alle forze sane della città" e soprattutto "sarà per metà composta da donne". A pochi metri, di fronte allo stesso mare, il comitato di Lettieri si scioglie subito: quando la sonora sconfitta emerge inesorabile dai dati del Viminale, quasi in contemporanea col vincitore, il candidato del centrodestra incontra i cronisti per pochi minuti. Prima di lui, l'unico esponente nazionale del Pdl che si era concesso alle telecamere era stato il deputato Amedeo Laboccetta. Lettieri telefona a De Magistris per complimentarsi e il neo sindaco dice a lui quello che già aveva detto in conferenza stampa: che sarà il sindaco di tutti, anche di quelli che non l'hanno votato, che assicura collaborazione agli avversari dai quali - si augura - cessi il metodo Boffo che ha caratterizzato la tesissima campagna elettorale napoletana. Entusiasta l'ex pm telefona anche al presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, che gli fa gli auguri e, racconta l'esponente Idv, "da napoletano guarda con attenzione a cosa accadrà nella sua città". De Magistris promette impegno. Al lavoro però si metterà da domani. Oggi "è il giorno della festa".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, Di Maio: da domani al lavoro per futuro governo M5s
Riforme
Referendum, Renzi: ho perso io e mi dimetto, ma senza rimorsi
Riforme
Referendum, Grillo: addio Renzi, ha vinto la democrazia
Riforme
Referendum, affluenza finale 68,48%. Si è votato di più al Nord
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Eden Travel Group, il SalvaVacanza spinge l'advance booking
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Accordo Altec-Virgin Galactic: l'Italia avrà il suo spazioporto
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari