domenica 22 gennaio | 16:02
pubblicato il 06/apr/2012 05:10

Ddl lavoro/ Monti in trincea su riforma, ora partiti 'pesano'

Confindustria attacca, il Pdl fa sentire la sua voce

Ddl lavoro/ Monti in trincea su riforma, ora partiti 'pesano'

Roma, 6 apr. (askanews) - E' stato difficile il 'day after' di Mario Monti, dopo la correzione di rotta sull'articolo 18. Se il premier può ora contare sul sostegno compatto del Pd, la Cgil si limita a dare il suo ok alla reintroduzione del reintegro, confermando però lo sciopero generale, dal Pdl arriva un crescendo di recriminazioni sulla eccessiva rigidità in entrata nel mercato del lavoro e la presidente di Confindustria Emma Marcegaglia attacca frontalmente parlando di riforma "pessima". Parole alle quali il presidente del Consiglio risponde parlando ieri sera al Tg1, ma per la prima volta da quando è in carica costretto a giocare di rimessa: "La presidente di Confindustria si prenda le sue responsabilità... Qualche mese fa non osavano nemmeno sperare una riforma del genere". Di fatto, il Monti di oggi sembra molto più un premier politico, costretto a replicare alle parti sociali e a fare i conti con le richieste della sua maggioranza, che non il 'tecnico' schiacciasassi conosciuto fin qui. Del resto, già in occasione del Cdm che varò la prima versione del ddl lavoro diversi ministri (Fabrizio Barca, Corrado Passera, Andrea Riccardi, Renato Balduzzi) avevano sollevato perplessità sulla linea dello 'scontro' con Pd e Cgil. Da questi ambienti si spiega che proprio questa dialettica interna al Governo, per la prima volta emersa in maniera così esplicita da quando Monti è in carica, ha contribuito molto alla correzione di rotta. Anche perché, viene fatto notare, Cisl e Uil, che inizialmente avevano provato a dare sponda al Governo sulla linea dura, hanno rapidamente fatto marcia indietro, di fronte al malessere delle rispettive 'basi' e Luigi Angeletti era arrivato a chiedere il "licenziamento" del ministro Elsa Fornero. Inoltre, raccontano sempre fonti vicine ad alcuni dei ministri 'dissidenti', decisivo è stato il ruolo di Giorgio Napolitano, fin dall'inizio vero garante di questo Governo. Di fronte alla reazione rabbiosa del Pd, il capo dello Stato è intervenuto in maniera decisiva (si ricordi la nota del Quirinale sulla necessità di limitare l'uso della fiducia) chiedendo al Governo di fare la riforma mantenendo la coesione. "Forse - ammette una fonte di governo - per la prima volta il premier si è sentito un po più isolato, con le spalle meno coperte...".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Guerini: Bene Prodi. Ora il Mattarellum, è lo strumento migliore
Parma
Pizzarotti: mi ricandido, non lascio un buon lavoro a metà
Terremoti
Terremoto, Finocchiaro: Gentiloni pronto a riferire in Parlamento
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4