lunedì 20 febbraio | 16:50
pubblicato il 30/ott/2012 05:10

Ddl anticorruzione/ Oggi in aula, governo pone la fiducia

Passerà ma numeri non confortanti dopo minaccia Berlusconi

Ddl anticorruzione/ Oggi in aula, governo pone la fiducia

Roma, 30 ott. (askanews) - Mario Monti non considera una minaccia le esternazioni del suo predecessore Silvio Berlusconi che sabato ha ventilato l'ipotesi di togliere la fiducia al governo del Professore. Ed è probabile che oggi, in occasione del voto di fiducia sul ddl anticorruzione in Aula alla Camera, l'esecutivo non avrà problemi a passare. Anche perché Pdl e Lega i numeri per rovesciare il governo ce li hanno al Senato, non alla Camera. Ma quello di oggi sarà comunque il primo test dopo la conferenza stampa del Cavaliere a Villa Gernetto e i numeri saranno importanti. E i numeri della strana maggioranza, anche a Montecitorio, ultimamente non sono confortanti: si è visto in occasione dell'ultima fiducia sul decreto sanità, votata il 18 ottobre scorso e approvata con 380 sì, di cui solo 64 arrivati dal Pdl. Per la verità la fiducia in Monti, dal suo insediamento ad ora, si è andata assottigliando sempre di più: è da inizio agosto, prima della pausa estiva, che i sì non superano quota 400 e, anzi, sono ben lontani. E per un esecutivo nato quasi un anno fa, a novembre del 2011, con una maggioranza amplissima di 556 voti a Montecitorio e 281 al Senato (solo la Lega era all'opposizione in principio) è davvero poco. A sfilarsi quasi subito fu l'Italia dei Valori, poi gli ex responsabili di Popolo e territorio, ma oggi il gruppo che fa traballare i numeri del governo del professore è il Pdl: alla Camera può contare su 209 deputati ma in occasione dell'ultimo voto di fiducia, il quarantesimo, solo 82 di loro erano presenti. Pierluigi Bersani ha sollevato il problema ricordando che il Pd "sta sostenendo il governo Monti correndo a dare voti di fiducia mentre la destra è scomparsa...". E in effetti i democratici sono generalmente presenti in forze mentre ben 126 sono stati gli assenti pidiellini all'ultimo voto di fiducia e dal partito di Berlusconi erano arrivati anche 4 no e 14 astenuti. Ma il vero pericolo la strana maggioranza che sostiene Monti lo corre al Senato dove la vecchia maggioranza di Pdl e Lega ha i numeri per ribaltare tutto.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
M5s
Vertici M5s a Roma, possibile incontro Grillo-Raggi in Campidoglio
Pd
Renzi apre congresso Pd, minoranza accusa: "Sceglie scissione"
Sinistra
Nasce Sinistra italiana: "Da D'Alema non col cappello in mano"
Pd
Termina assemblea Pd, Orfini: "Congresso formalmente indetto"
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
Verona Fiere, Evoo Days, al via il primo forum per filiera olio
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, taglio del nastro per Advanced Virgo
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia