domenica 22 gennaio | 15:24
pubblicato il 30/ott/2012 05:10

Ddl anticorruzione/ Oggi in aula, governo pone la fiducia

Passerà ma numeri non confortanti dopo minaccia Berlusconi

Ddl anticorruzione/ Oggi in aula, governo pone la fiducia

Roma, 30 ott. (askanews) - Mario Monti non considera una minaccia le esternazioni del suo predecessore Silvio Berlusconi che sabato ha ventilato l'ipotesi di togliere la fiducia al governo del Professore. Ed è probabile che oggi, in occasione del voto di fiducia sul ddl anticorruzione in Aula alla Camera, l'esecutivo non avrà problemi a passare. Anche perché Pdl e Lega i numeri per rovesciare il governo ce li hanno al Senato, non alla Camera. Ma quello di oggi sarà comunque il primo test dopo la conferenza stampa del Cavaliere a Villa Gernetto e i numeri saranno importanti. E i numeri della strana maggioranza, anche a Montecitorio, ultimamente non sono confortanti: si è visto in occasione dell'ultima fiducia sul decreto sanità, votata il 18 ottobre scorso e approvata con 380 sì, di cui solo 64 arrivati dal Pdl. Per la verità la fiducia in Monti, dal suo insediamento ad ora, si è andata assottigliando sempre di più: è da inizio agosto, prima della pausa estiva, che i sì non superano quota 400 e, anzi, sono ben lontani. E per un esecutivo nato quasi un anno fa, a novembre del 2011, con una maggioranza amplissima di 556 voti a Montecitorio e 281 al Senato (solo la Lega era all'opposizione in principio) è davvero poco. A sfilarsi quasi subito fu l'Italia dei Valori, poi gli ex responsabili di Popolo e territorio, ma oggi il gruppo che fa traballare i numeri del governo del professore è il Pdl: alla Camera può contare su 209 deputati ma in occasione dell'ultimo voto di fiducia, il quarantesimo, solo 82 di loro erano presenti. Pierluigi Bersani ha sollevato il problema ricordando che il Pd "sta sostenendo il governo Monti correndo a dare voti di fiducia mentre la destra è scomparsa...". E in effetti i democratici sono generalmente presenti in forze mentre ben 126 sono stati gli assenti pidiellini all'ultimo voto di fiducia e dal partito di Berlusconi erano arrivati anche 4 no e 14 astenuti. Ma il vero pericolo la strana maggioranza che sostiene Monti lo corre al Senato dove la vecchia maggioranza di Pdl e Lega ha i numeri per ribaltare tutto.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Guerini: Bene Prodi. Ora il Mattarellum, è lo strumento migliore
Parma
Pizzarotti: mi ricandido, non lascio un buon lavoro a metà
Terremoti
Terremoto, Finocchiaro: Gentiloni pronto a riferire in Parlamento
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4