sabato 10 dicembre | 18:18
pubblicato il 13/mar/2012 05:10

Da sfida laboratorio a frattura, a Palermo disastro Terzo Polo

Voto doveva 'affondare' Alfano,ora Pdl vicino a intesa con Casini

Da sfida laboratorio a frattura, a Palermo disastro Terzo Polo

Roma, 13 mar. (askanews) - Capolavoro Palermo, caso in predicato di passare alla storia per quantità e qualità di colpi di scena. Partita a metà strada tra sudoku e risiko, soprattutto emblema di un Terzo Polo incapace di correre unito alle amministrative proprio nel luogo simbolo del prossimo voto locale. Lì, nella terra di Angelino Alfano, rischia di rompersi il giocattolo. Lì, dove il segretario del Pdl temeva una sconfitta casalinga pesantissima, Udc e Fli hanno deciso alla fine di fare come a Lecce, altro importante centro del voto amministrativo: dividersi. E se davvero il Pdl convergerà su Costa, il 'laboratorio Palermo' - che tanto aveva lasciato sperare i terzopolisti più convinti - servirà invece a testare l'intesa tra il partito di Berlusconi e quello di Casini. Uniti a Palermo e Genova, era questa l'asticella - neanche troppo alta - fissata da Gianfranco Fini e Pier Ferdinando Casini alcune settimane addietro. "Bastano quelle due città simbolo", andava ripetendo il presidente della Camera, capace in un primo momento di convincere il leader Udc a mollare l'intesa con il Pdl nel capoluogo siciliano e a schierare il Terzo Polo su Costa. Poi però le primarie del Pd vinte da Ferrandelli hanno infranto il precario equilibrio. In fondo, l'Udc mai aveva accettato il veto futurista all'alleanza con il Pdl e, soprattutto, mai e poi mai avrebbe accettato l'intesa con Lombardo, ormai avversario in Regione. I sospetti (sempre smentiti) di un sostegno riservato di Lombardo in chiave anti Borsellino, l'apertura di Costa al Pdl e la scelta di Mpa e Fli di rompere con il giovane candidato hanno fatto il resto, creando i presupposti di un'alleanza fra Pdl e Udc che il partito di Alfano è chiamato a sancire entro stasera. Resta il nodo della possibile convergenza del Pid di Romano su Costa, inviso all'Udc. Per capire la portata della frattura bisogna ricordare la valenza simbolica della sfida palermitana. Terra di Alfano, ma anche di Renato Schifani, roccaforte forzista fin dai tempi mitici del '61-0', Palermo rischiava di consegnare il Pdl al ruolo di terzo contenitore politico, alle spalle di Pd e Terzo polo. Per Costa - in chiave anti Pdl - molto si era spesa l'ala siciliana di Fli, i primi a rompere con il pidielle quando ancora Futuro e libertà neanche era stata pensata. Molto si è scritto sul pressing del segretario berlusconiano su Fini e Casini per evitare la sconfitta e una crisi tutta interna al Pdl dagli esiti imprevedibili. In gioco, però, c'era anche la partita della candidatura alle prossime regionali, alla quale ambisce fortemente l'Udc. Senza contare i difficili rapporti tra il nascente Grande Sud di Micciché e Alfano. Un autentico rebus, dal quale però Alfano riesce almeno a ottenere la frantumazione del Terzo Polo siciliano. A Verona, invece, l'Udc ha deciso di candidare Luigi Castelletti. Fli ha accettato, accantonando l'idea Lucia Cametti e dovendo dunque ripiegare su un nome diverso da quello selezionato e annunciato. Il Pdl, 'orfano' di Tosi, ha deciso di sostenere Castelletti. Ricostruendo, almeno nel capoluogo scaligero, l'antico Polo di centrodestra. A Lecce, invece, i ruoli di Udc e Fli sono invertiti, rispetto a quelli ricoperti a Palermo: i finiani corrono con il pidiellino Fitto e con Poli Bortone, l'Udc ha annunciato una propria corsa solitaria con Luigi Melica. A Genova, infine, il nome sul quale Fli e Udc hanno deciso di convergere è quello di Enrico Musso. Almeno a Genova l'intesa terzopolista pare reggere.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Renzi verso ok a governo Gentiloni, ma su data voto è rebus
Governo
Di Battista:risponderemo a colpi piazza a tentativo fermare M5s
Governo
Di Maio: no a Gentiloni o altro Avatar per salvare la banca Pd
Governo
Seconda giornata consultazioni da Mattarella, Gentiloni in pole
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina