lunedì 23 gennaio | 14:37
pubblicato il 30/mar/2015 21:12

Da Renzi fiducia politica su Italicum. Minoranza ora si divide?

Speranza cercherà ultima mediazione, ma duri potrebbero non votare

Da Renzi fiducia politica su Italicum. Minoranza ora si divide?

Roma, 30 mar. (askanews) - Nessuno spazio per ulteriori correzioni, cambiare ancora l'Italicum sarebbe un "clamoroso errore" e "un azzardo". Matteo Renzi chiude così la porta a ogni ipotesi di ritocchi della riforma elettorale. Il premier non ha nemmeno svolto una replica, alla Direzione del partito, bastava quella "questione di fiducia" posta in apertura dei lavori al parlamentino Pd: si vedrà se metterla davvero in Parlamento, ha spiegato il premier, ma sul piano politico la fiducia c'è già ora. O si approva la riforma elettorale o sarà difficile pensare di proseguire la legislatura. Un affondo che rischia di spaccare ancora una volta la minoranza Pd che, oggi compatta nel non votare in direzione, rischia di spaccarsi al momento del voto in aula.

"Speranza - spiega uno degli esponenti della minoranza - cercherà un'ulteriore mediazione con Renzi e con la riunione del gruppo. Certo, se non cambia nulla poi ognuno si assumerà le proprie responsabilità...". Un modo per dire, appunto, che poi quando ci sarà da dire sì o no all'Italicum la sinistra Pd difficilmente sarà unita. E, in ogni caso, difficilmente la riforma di Renzi verrà bocciata, perché l'orientamento è quello di non partecipare al voto e non di votare contro. Come diceva oggi Pippo Civati, la maggioranza sull'Italicum "dipende da Bersani", nel senso che una semplice non partecipazione al voto non basterebbe ad affossare la riforma. Ma l'ex segretario Pd difficilmente arriverà al punto di votare contro: più volte ha ripetuto che lui "non voterà" l'Italicum, ma non ha mai parlato di voto contro.

Certo, c'è la minaccia di usare imboscate nel voto segreto evocata da Alfredo D'Attorre, ma la quasi-fiducia posta oggi da Renzi serve proprio a chiarire a tutti, non solo nel Pd, che la posta in palio è il proseguimento della legislatura. La riforma è "decisiva per l'azione del governo e per la legislatura".

Difficile che si arrivi ad una vera e propria questione di fiducia, uno strumento assai inusuale su un tema come la legge elettorale. Ma il premier farà di tutto per far capire che, comunque, il sì o il no sull'Italicum saranno decisivi per il prosieguo: una bocciatura, è il ragionamento che viene fatto recapitare, porterebbe di fatto alla fine della legislatura. Non a caso D'Attorre, intervenendo in Direzione, ha provato a sminuire il rischio di un ritorno al voto: "E' una minaccia che non ritengo credibile perché ne pagherebbe il prezzo innanzitutto il presidente del Consiglio". Ma il discorso di Renzi è rivolto anche a Fi e il premier è certo che, alla fine sortirà il suo effetto.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Nato
Emiliano: Trump ignora la Nato? Potremmo rinegoziare trattati
Conti pubblici
Berlusconi: nuova manovra? Rimasti conti da pagare di Renzi
Usa
Gentiloni: Trump? Collaboreremo ma abbiamo i nostri valori
Pd
Emiliano: se qualcuno apre il congresso mi candido segretario Pd
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Tutti a Montefalco per l'Anteprima Sagrantino
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Samsung: incidenti del Galaxy Note 7 causati da batteria
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4