domenica 11 dicembre | 05:09
pubblicato il 30/mar/2015 21:12

Da Renzi fiducia politica su Italicum. Minoranza ora si divide?

Speranza cercherà ultima mediazione, ma duri potrebbero non votare

Da Renzi fiducia politica su Italicum. Minoranza ora si divide?

Roma, 30 mar. (askanews) - Nessuno spazio per ulteriori correzioni, cambiare ancora l'Italicum sarebbe un "clamoroso errore" e "un azzardo". Matteo Renzi chiude così la porta a ogni ipotesi di ritocchi della riforma elettorale. Il premier non ha nemmeno svolto una replica, alla Direzione del partito, bastava quella "questione di fiducia" posta in apertura dei lavori al parlamentino Pd: si vedrà se metterla davvero in Parlamento, ha spiegato il premier, ma sul piano politico la fiducia c'è già ora. O si approva la riforma elettorale o sarà difficile pensare di proseguire la legislatura. Un affondo che rischia di spaccare ancora una volta la minoranza Pd che, oggi compatta nel non votare in direzione, rischia di spaccarsi al momento del voto in aula.

"Speranza - spiega uno degli esponenti della minoranza - cercherà un'ulteriore mediazione con Renzi e con la riunione del gruppo. Certo, se non cambia nulla poi ognuno si assumerà le proprie responsabilità...". Un modo per dire, appunto, che poi quando ci sarà da dire sì o no all'Italicum la sinistra Pd difficilmente sarà unita. E, in ogni caso, difficilmente la riforma di Renzi verrà bocciata, perché l'orientamento è quello di non partecipare al voto e non di votare contro. Come diceva oggi Pippo Civati, la maggioranza sull'Italicum "dipende da Bersani", nel senso che una semplice non partecipazione al voto non basterebbe ad affossare la riforma. Ma l'ex segretario Pd difficilmente arriverà al punto di votare contro: più volte ha ripetuto che lui "non voterà" l'Italicum, ma non ha mai parlato di voto contro.

Certo, c'è la minaccia di usare imboscate nel voto segreto evocata da Alfredo D'Attorre, ma la quasi-fiducia posta oggi da Renzi serve proprio a chiarire a tutti, non solo nel Pd, che la posta in palio è il proseguimento della legislatura. La riforma è "decisiva per l'azione del governo e per la legislatura".

Difficile che si arrivi ad una vera e propria questione di fiducia, uno strumento assai inusuale su un tema come la legge elettorale. Ma il premier farà di tutto per far capire che, comunque, il sì o il no sull'Italicum saranno decisivi per il prosieguo: una bocciatura, è il ragionamento che viene fatto recapitare, porterebbe di fatto alla fine della legislatura. Non a caso D'Attorre, intervenendo in Direzione, ha provato a sminuire il rischio di un ritorno al voto: "E' una minaccia che non ritengo credibile perché ne pagherebbe il prezzo innanzitutto il presidente del Consiglio". Ma il discorso di Renzi è rivolto anche a Fi e il premier è certo che, alla fine sortirà il suo effetto.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Di Battista:risponderemo a colpi piazza a tentativo fermare M5s
Governo
Di Maio: no a Gentiloni o altro Avatar per salvare la banca Pd
Governo
Renzi al Pd esclude restare,Gentiloni tiene ma partita non chiusa
Governo
Speranza al Pd: indispensabile una scelta di discontinuità
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina