martedì 21 febbraio | 09:24
pubblicato il 30/mar/2015 21:12

Da Renzi fiducia politica su Italicum. Minoranza ora si divide?

Speranza cercherà ultima mediazione, ma duri potrebbero non votare

Da Renzi fiducia politica su Italicum. Minoranza ora si divide?

Roma, 30 mar. (askanews) - Nessuno spazio per ulteriori correzioni, cambiare ancora l'Italicum sarebbe un "clamoroso errore" e "un azzardo". Matteo Renzi chiude così la porta a ogni ipotesi di ritocchi della riforma elettorale. Il premier non ha nemmeno svolto una replica, alla Direzione del partito, bastava quella "questione di fiducia" posta in apertura dei lavori al parlamentino Pd: si vedrà se metterla davvero in Parlamento, ha spiegato il premier, ma sul piano politico la fiducia c'è già ora. O si approva la riforma elettorale o sarà difficile pensare di proseguire la legislatura. Un affondo che rischia di spaccare ancora una volta la minoranza Pd che, oggi compatta nel non votare in direzione, rischia di spaccarsi al momento del voto in aula.

"Speranza - spiega uno degli esponenti della minoranza - cercherà un'ulteriore mediazione con Renzi e con la riunione del gruppo. Certo, se non cambia nulla poi ognuno si assumerà le proprie responsabilità...". Un modo per dire, appunto, che poi quando ci sarà da dire sì o no all'Italicum la sinistra Pd difficilmente sarà unita. E, in ogni caso, difficilmente la riforma di Renzi verrà bocciata, perché l'orientamento è quello di non partecipare al voto e non di votare contro. Come diceva oggi Pippo Civati, la maggioranza sull'Italicum "dipende da Bersani", nel senso che una semplice non partecipazione al voto non basterebbe ad affossare la riforma. Ma l'ex segretario Pd difficilmente arriverà al punto di votare contro: più volte ha ripetuto che lui "non voterà" l'Italicum, ma non ha mai parlato di voto contro.

Certo, c'è la minaccia di usare imboscate nel voto segreto evocata da Alfredo D'Attorre, ma la quasi-fiducia posta oggi da Renzi serve proprio a chiarire a tutti, non solo nel Pd, che la posta in palio è il proseguimento della legislatura. La riforma è "decisiva per l'azione del governo e per la legislatura".

Difficile che si arrivi ad una vera e propria questione di fiducia, uno strumento assai inusuale su un tema come la legge elettorale. Ma il premier farà di tutto per far capire che, comunque, il sì o il no sull'Italicum saranno decisivi per il prosieguo: una bocciatura, è il ragionamento che viene fatto recapitare, porterebbe di fatto alla fine della legislatura. Non a caso D'Attorre, intervenendo in Direzione, ha provato a sminuire il rischio di un ritorno al voto: "E' una minaccia che non ritengo credibile perché ne pagherebbe il prezzo innanzitutto il presidente del Consiglio". Ma il discorso di Renzi è rivolto anche a Fi e il premier è certo che, alla fine sortirà il suo effetto.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
M5s
Vertici M5s a Roma, possibile incontro Grillo-Raggi in Campidoglio
Pd
Enrico Letta: Pd non può finire così, attonito da cupio dissolvi
Elezioni
Blog Grillo: pazienza italiani ha un limite, lasciateci votare
Pd
Ultime ore per arginare la scissione nel Pd, occhi su Emiliano
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
Verona Fiere, Evoo Days, al via il primo forum per filiera olio
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia