domenica 04 dicembre | 05:05
pubblicato il 09/set/2016 20:05

Da Grillo no a Olimpiadi, nuova bufera Pd su Raggi: non comanda

Sindaco cancella audizione al Senato, i democratici attaccano

Da Grillo no a Olimpiadi, nuova bufera Pd su Raggi: non comanda

Roma, 9 set. (askanews) - Si apre, o meglio torna d'attualità, un altro fronte per Virginia Raggi. Alle beghe sulla formazione della giunta capitolina si aggiunge oggi la disputa sulle Olimpiadi, perché è stato Beppe Grillo stesso a prendere l'iniziativa e a pubblicare un netto 'no' alla possibilità di ospitare a Roma i Giochi del 2024. Una mossa che ancora di più offre l'immagine di una Raggi sotto pressione da più parti, dopo che nei giorni scorsi Grillo aveva evitato di incontrarla pur essendo a Roma per cercare di mettere pace nel direttorio M5s. Di sicuro, un argomento in più per la polemica del Pd contro la sindaca e il Movimento.

Il caso Roma sta mettendo in difficoltà M5s, alcuni sondaggi pubblicati da Huffington post già rilevano un calo di consensi e di sicuro i vertici temono che la sindaca possa deviare in maniera troppo evidente rispetto alla linea del Movimento. Non a caso l'altra sera a Nettuno Grillo ha urlato alla piazza che "Raggi andrà avanti e noi vigileremo sul programma". E la vigilanza oggi è diventata attiva, con il post di Elio Lannutti sul blog di Grillo, rilanciato dal leader M5s anche su twitter: "Olimpiadi no grazie", è il titolo del commento. Una presa di posizione che anticipa quella ufficiale del Comune, ma che era già stata ribadita da Luigi Di Maio a Nettuno.

La tesi esposta da Lannutti riprende argomenti noti: le Olimpiadi non servono alla città ma solo a fare arricchire soliti noti e a portare consenso ad alcuni politici. "Le Olimpiadi o i Mondiali - scrive Lannutti- possono essere funzionali alle classi politiche ed economiche per appagare il delirio di onnipotenza di immarcescibili saltimbanchi e molti affari per gli imprenditori, i Giochi spesso vengono utilizzati per ipotecare il futuro dei giovani gonfiati di debiti e come potenti armi di distrazione di massa".

La Raggi per ora non si pronuncia, ma fa saltare l'audizione in Senato sulle Olimpiadi prevista per martedì 13 settembre. La notizia la rilancia subito il Pd, interessato ovviamente a cavalcare anche questa vicenda: "La segreteria del sindaco di Roma - ha spiegato il senatore Andrea Marcucci - ha appena annullato l'audizione di Virginia Raggi, prevista il 13 settembre, alla commissione Cultura e Sport di Palazzo Madama, sulla candidatura della Capitale alle Olimpiadi di Roma. La stessa segreteria al momento non ha proposto nuove date".

Un'occasione ghiotta, per i democratici, per rilanciare l'idea di una Raggi telecomandata da Grillo: "È evidente - dice il senatore Pd Raffaele Ranucci - che la Raggi obbedisce al direttorio e non vuole rispondere al Parlamento italiano". E Marcucci aggiunge: "I romani hanno eletto Virginia Raggi, non Beppe Grillo. Aspettiamo dal sindaco di Roma la decisione sulla candidatura di Roma 2024. Perdere la possibilità di avere i giochi olimpici ha dell'incredibile, io spero ancora in una risposta non autolesionistica".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum, quante volte è cambiata la Costituzione dal '48 a oggi
Riforme
Referendum, sfida decisiva per la madrina delle riforme Boschi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari