venerdì 24 febbraio | 13:30
pubblicato il 20/mag/2014 13:42

D'Antona: Marino, l'Italia non deve dimenticare

(ASCA) - Roma, 20 mag 2014 - ''Sembra ancora ieri perche' il dolore di quell'evento cosi' terribile e drammatico, colpire qualunque persona e ucciderla, e' evidentemente un fatto esecrabile e condannabile. Non e' che si possa fare una graduatoria del delitto piu' grave, pero' colpire un accademico, uno studioso in maniera cosi' vile, colpire il professor D'Antona che lavorava con le sue idee per il bene dell'Italia credo che sia qualcosa che vada ricordata ed e' giusto ricordarlo ogni anno ed essere vicini ai suoi famigliari, alla sua signora e allo stesso tempo ricordare al paese quanto in alcuni momenti della nostra storia siano stati drammaticamente costosi in termini di violenza e perdite di vite umane i progressi che la nostra societa' ha fatto''. A dirlo il sindaco di Roma, Ignazio Marino, in occasione della cerimonia in ricordo dell'omicidio da parte delle Brigate rosse di Massimo D'Antona, assassinio avvenuto 15 anni fa a Roma in via Salaria.

bet/sam/ss

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Sinistra
Scotto: nuova forza di sinistra con ex Pd, con noi 17 ex Si
Ncd
Alfano: i moderati tornino uniti contro il populismo
Ue
Mattarella:Ue ha valore irreversibile, da crisi uscirà più forte
Pd
Nel Pd braccio di ferro su data primarie, Orlando in campo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Tribunale malato: per 1 medico su 3 troppo poco tempo per paziente
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
Astrofisica, indizi di materia oscura nel cuore di Andromeda?
TechnoFun
Internet of Things: dopo la "nuvola" si studia la "nebbia"
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech