martedì 17 gennaio | 04:06
pubblicato il 18/nov/2013 12:00

D'Alema: Testa a testa Renzi-Cuperlo se non voteranno M5S e Pdl

'Renzi uomo estabilishment: Veltroni, Franceschini, Bassolino

D'Alema: Testa a testa Renzi-Cuperlo se non voteranno M5S e Pdl

Roma, 18 nov. (askanews) - "Faccio una previsione. Questi sondaggi sono campati in aria e il voto degli iscritti al Pd rifletterà abbastanza precisamente l'orientamento degli elettori, come accaduto alle ultime primarie per Bersani. Se però dovesse esserci una massiccia partecipazione di elettori del centrodestra e del Movimento 5 Stelle, allora il risultato cambierà". Lo ha affermato Massimo D'Alema, parlando ad Agorà su Rai3, dove ha immaginato un testa a testa tra Matteo Renzi e Gianni Cuperlo nelle primarie del Pd, a differenza dei sondaggi che attribuiscono una netta vittoria del sindaco di Firenze. "C'è comunque un testa a testa. Renzi non raggiunge il voto della maggioranza assoluta degli iscritti. Forse avrà il 43-44 percento, ma Cuperlo avrà il 42 percento. Questa battaglia congressuale resta aperta e noi combatteremo fino all'ultimo voto. Alla fine - ha concesso D'Alema- Renzi potrà prevalere, ma grazie all'acquisizione all'ultimo minuto di De Luca, al sostegno di Bassolino, Veltroni, Franceschini. inutile che faccia il giamburrasca: lui è l'uomo dell'establishment, e vedremo i prezzi che dovrà pagare a questo establishment. Io non lo sottovaluto e so quanto è forte, ha un ampio sostegno da Briatore a De Benedetti, però lui non sottovaluti gli altri: in quasi tutte le grandi aree urbane ha prevalso Cuperlo, che raccoglie un voto giovanile e un voto maturo di chi pensa che non possiamo diventare un partito che assomigli alla peggiore Democrazia cristiana". "Se Renzi - ha aggiunto ancora l'ex Premier- dovesse vincere, cosa che spero non accada, le condizioni perché il Pd sia un partito unito e non si trasformi nel campo di battaglia di uno scontro permanente, dipendono da lui. Certo, se gli argomenti sono quelli di ieri sera in tv, ad esempio la liquidazione della maggior parte degli esponenti della sinistra, si tratta di un programma di guerra. L'onere della prova spetta al vincitore".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Bersani: Renzi non ha capito lezione, così si sbatte di nuovo
Conti pubblici
Conti pubblici, blog Grillo: Gentiloni e Padoan si dimettano
Centrodestra
Salvini: se Berlusconi preferisce Renzi, meglio soli al voto
Conti pubblici
Ue sollecita manovra correttiva. Gentiloni vede Padoan
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
L'Italia difende Fca dalle accuse tedesche: le sue auto sono in regola
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella, conto alla rovescia Anteprima Amarone
Turismo
A Singapore la gara di Danza del leone, caccia i cattivi spiriti
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Milano Moda Uomo, trionfo di righe e quadri da Missoni
Scienza e Innovazione
Rompicapo galattico per telescopio Hubble
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Milano, ripartono lavori prolungamento M1 fino a Monza Cinisello