venerdì 02 dicembre | 23:56
pubblicato il 22/giu/2016 10:18

D'Alema: sconfitta generalizzata, al Pd serve un altro segretario

"Renzi dovrebbe cambiare, ma riunisce amici e non bada a realtà"

D'Alema: sconfitta generalizzata, al Pd serve un altro segretario

Roma, 22 giu. (askanews) - Dopo le polemiche dei giorni scorsi, Massimo D'Alema garantisce in una intervista al Corriere della sera di aver votato "come sempre: secondo le indicazioni del partito", ma non risparmia il sarcasmo sul risultato di Roberto Giachetti nelle elezioni comunali di Roma: "Certo è un po' buffo che il Pd vinca a Prati e Parioli e perda a Cinecittà e Pietralata".

A giudizio dell'ex presidente del Consiglio "la sconfitta va molto al di là di specifici eventi locali. E' una tendenza generalizzata: perdiamo Torino, Trieste, Pordenone, Grosseto, Novara, Benevento, eccetera. Poi ci sono situazioni come Roma, dove la sconfitta assume dimensioni di disastro. Qui, come a Napoli, ha pesato una vera e propria disgregazione del partito". Alla domanda se serve un segretario diverso dal premier, D'Alema risponde senza esitazioni "sì. Serve una figura che si occupi del Pd a tempo pieno. E serve una direzione collegiale. Il partito è stato volutamente lasciato senza guida. Lo si ritiene non importante oppure si scarica su di esso la colpa quando le elezioni vanno male. E' tutto puntato sul leader e il suo entourage, neanche collaboratori. Renzi non convoca la segreteria, che pure è un organo totalmente omogeneo. Si riunisce solo con un gruppo di suoi amici".

"Ha mai seguito una direzione del Pd? Sono momenti di propaganda. Il capo fa lunghi discorsi, cui seguono brevi dichiarazioni di dissenso; poi - spiega ancora D'Alema - parlano una cinquantina di persone che insultano quelli che hanno dissentito. Non c'è ascolto, non c'è confronto. Non esiste la possibilità di trovare convergenze o accordi". A suo giudizio Renzi ha perso la sintonia "con la base e con il Paese" e "sta rottamando alcuni milioni di elettori".

"Renzi dovrebbe cambiare", dice D'Alema, "ma non mi pare una persona orientata a tenere conto degli altri e neanche della realtà; neanche di quelle più prossime, visto che abbiamo perso a Sesto Fiorentino. Eppure sarebbe necessario un cambio di indirizzo nell'azione di governo, e anche un cambio di stile. Compreso il rispetto che dovrebbe essere dovuto a una classe dirigente che ha vinto le elezioni e ha fatto cose importanti per il Paese: l'euro, le grandi privatizzazioni, la legge elettorale maggioritaria uninominale; non quella robaccia che ci viene proposta adesso".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Renzi: brogli voto estero? Film che ritorna da chi teme sconfitta
Riforme
Referendum, Salvini: voto estero comprato ma no vincerà comunque
Riforme
Renzi: col Sì Italia più forte in Ue su crescita e immigrazione
Riforme
Referendum, Renzi: con Mattarella italiani sono in ottime mani
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari