martedì 17 gennaio | 08:32
pubblicato il 18/set/2014 13:25

Cuperlo: nel Pd c'e' soltanto richiesta di capire riforma lavoro

"Non ci sono i Flinstones contro gli innovatori" (ASCA) - Roma, 18 set 2014 - "Sarebbe saggio cancellare la caricatura degli innovatori da una parte e dei Flintstones. Se gli innovatori sono la destra che pensa di uscire dalla crisi riducendo i diritti e la dignita' di chi lavora, io penso sia giusto stare dall'altra parte. Se invece l'innovazione e' mettere al centro l'estensione di quei diritti anche a chi ne e' privo si apre non un sentiero ma un'autostrada. In termini di principio e strategie. Qua nessuno vuole arrestare l'azione del governo. Ma vogliamo capire cosa ci sara' scritto nel testo della legge delega sul lavoro e nei decreti attuativi. L'emendamento del governo sul riordino delle forme contrattuali non presenta un punto di caduta certo, una direzione precisa, ma lascia aperta la strada a soluzioni che potrebbero essere tra loro opposte". Lo ha sottolineato Gianni Cuperlo, a proposito della iniziativa del Governo Renzi sulla riforma del mercato del lavoro.

"Qua - ha detto Cuperlo- si vuole solo capire se la freccia e' nel senso dell'equita' o di un'ingiustizia maggiore. Le tre parole chiave per aggredire la recessione italiana (e non solo) sono investimenti, redistribuzione, diritti. L'abolizione della reintegra e' un totem? Un tabu'? Se davvero fosse solo quello, non si capirebbe la furia che ispira i teorici della sua cancellazione. Il punto e' che dietro quella norma c'e' banalmente un principio. Non un'ottusa convinzione degna dei libri di storia. Un principio. Togli quel principio e apri la via a un mercato del lavoro diverso, qualitativamente diverso. Dove sara' piu' facile governare "l'uscita" come spiegano con eleganza quelli che hanno studiato. Ma dove soprattutto si sara' certificato che a prevalere e' stato un pensiero disposto a sacrificare una parte della parola 'dignita'' nel nome di un'efficienza fasulla e priva di qualunque riscontro. Questo mestiere di solito lo fa la destra". "E' la destra - ha sottolineato ancora Cuperlo- che parla di apartheid. Noialtri dovremmo pensare che la via giusta e' quell'altra. Fare cio' che nessuno fa: investimenti pubblici come leva di quelli privati, immaginare i settori dove investire perche' saranno quelli che descriveranno il profilo produttivo tra cinque o dieci anni. Picchiare la mano sul tavolo e dire che questa e' la sola linea che puo' salvare l'Europa. Ecco, io credo che nel Pd e in Parlamento sia necessaria una discussione per arrivare ad un testo che abbia il segno dell'equita' e metta al centro l'estensione dei diritti a chi non li ha". Cosi' Gianni Cuperlo, deputato del Pd e leader di Sinistradem interviene nel dibattito sulle questioni del lavoro".

Roma, 18 settembre 2014 Tor

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Bersani: Renzi non ha capito lezione, così si sbatte di nuovo
Conti pubblici
Conti pubblici, blog Grillo: Gentiloni e Padoan si dimettano
Centrodestra
Salvini: se Berlusconi preferisce Renzi, meglio soli al voto
Conti pubblici
Ue sollecita manovra correttiva. Gentiloni vede Padoan
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
L'Italia difende Fca dalle accuse tedesche: le sue auto sono in regola
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella, conto alla rovescia Anteprima Amarone
Turismo
A Singapore la gara di Danza del leone, caccia i cattivi spiriti
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Milano Moda Uomo, trionfo di righe e quadri da Missoni
Scienza e Innovazione
Rompicapo galattico per telescopio Hubble
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Milano, ripartono lavori prolungamento M1 fino a Monza Cinisello