domenica 04 dicembre | 11:14
pubblicato il 02/ago/2013 14:46

Cultura: Bray, Pompei avra' sovrintendenza speciale

(ASCA) - Roma, 2 ago - Valorizzare il sito archeologico di Pompei e rilanciarne l'immagine nel mondo. A questo mirano le misure contenute nel decreto 'Valore cultura' varato questa mattina dal consiglio dei ministri, che riguardano il sito archeologico al centro di scandali per lo stato di conservazione dei beni. ''Siamo convinti che dalla cultura si puo' ripartire per creare crescita e posti lavoro, per dare un futuro al paese, per credere nelle nuove generazioni'' ha spiegato il ministro per i beni Culturali, Massimo Bray al termine del Consiglio dei ministri. Lo stesso Bray ha poi spiegato che ''Per Pompei e' stata deciso di istituire la figura di un direttore generale del 'Progetto Pompei' per gestire e coordinare gli interventi e gli appalti fuori e dentro il sito archeologico''. Inoltre la Soprintendenza speciale per i Beni archeologici di Pompei, Ercolano e Stabia sara' separata dal polo museale di Napoli e Caserta, dove nascera' la nuova Soprintendenza per i beni archeologici''.

brm/lus/bra

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, seggi aperti in tutta Italia: sì o no a riforma Renzi
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum, quante volte è cambiata la Costituzione dal '48 a oggi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari