domenica 26 febbraio | 16:16
pubblicato il 06/giu/2013 19:10

Cucchi: Fedeli (Pd), lo Stato doveva tutelare Stefano

Cucchi: Fedeli (Pd), lo Stato doveva tutelare Stefano

(ASCA) - Roma, 6 giu - ''Il fatto che un ragazzo, un cittadino, fermato per un reato non grave ed entrato sano in una caserma dei carabinieri ne sia uscito morto, e' inconfutabile. La via crucis di Stefano Cucchi non puo' essere ridotta a un caso di malasanita', il fatto che in quel momento fosse sotto la tutela dello Stato non e' un' attenuante ma, al contrario, e' il vero cuore del problema.

Il problema e' che in Italia, e purtroppo Stefano non e' il primo a testimoniarcelo, in carcere si muore''. Lo ha detto la vicepresidente del Senato, Valeria Fedeli (Pd).

''Ora noi dobbiamo assolutamente realizzare un'idea di giustizia diversa, secondo la quale non si perdono i propri diritti perche' si e' sbagliato, in cui il carcere serve a riabilitare e non solo a punire - ha aggiunto -. Un' idea di giustizia, o se vogliamo di uno Stato di diritto a cui tutti devono attenersi, anche tutti i facenti parte dei corpi di polizia''.

com-njb

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Errani lascia Pd: ora nuova avventura, ma ci ritroveremo
Sinistra
Lavoro, scuola, ambiente: abito classico per la sinistra ex Pd
Pd
Pd, Veltroni: la sinistra divisa consegna l'Italia al polulismo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech