mercoledì 22 febbraio | 05:40
pubblicato il 17/mar/2014 19:01

Csm: Vietti, ripensare sistema elezione, sorteggio togati non convince

Csm: Vietti, ripensare sistema elezione, sorteggio togati non convince

(ASCA) - Torino, 17 mar 2014 - Finita la stagione della grande contrapposizione tra magistratura e politica si puo' cominciare a riflettere sulla composizione del Csm e in particolare sulla sua legge elettorale che dovrebbe attenuare il collegamento tra consiglieri togati e le correnti di appartenenza, anche se l'ipotesi di ingresso per sorteggio non e' convincente. E' quanto sottolinea il vicepresidente del Consiglio superiore della magistratura Michele Vietti, che oggi ha presentato il suo ''Codice dell'Ordinamento giudiziario'', in un incontro con i magistrati e gli avvocati torinesi al Campus Einaudi.

''In una stagione in cui la grande contrapposizione politica-giustizia si e' attenuata, e' forse possibile cominciare a riflettere con un po' di lucidita' e senza animosita' e passione, sulle modalita' di composizione del Consiglio superiore della magistratura, sulle sue attribuzioni e sulla legge elettorale - ha detto Vietti - perche' oggi il Consiglio ha una legge elettorale che privilegia la formula della mediazione e cioe' un riferimento (le correnti, ndr) attraverso cui passare per la soddisfazione delle proprie aspettative, non sufficientemente riferite all'organizzazione, all'interesse collettivo e all'esigenze delle utenze''.

Secondo Vietti ''qualche ripensamento andra' fatto'' anche sul decentramento, visto che ''e' ultima grande organizzazione centralista, ma cio' esige'', ha osservato Vietti, ''che la magistratura esca dalla logica del fortino assediato, e che la politica finisca di assediarla, e cominci a ripensare anche se stessa''. Tenendo ferme come principi di riferimento, ha aggiunto, l'autonomia e l'indipendenza ''che pero' - ha affermato - sono mezzi rispetto al fine che e' quello di un magistrato che distribuisca torti e ragioni, in modo efficace, tempestivo e prevedibile. Oggi la nostra organizzazione e' in grado di garantire questa tipologia di magistrato? Io temo di no''.

Vietti si e' detto scettico sull'ipotesi del sorteggio per togati rilanciata di recente: ''Non mi pare praticabile, non e' rispettoso della Costituzione che dice che i magistrati devono essere eletti''. Secondo il vicepresidente del Csm si puo' immaginare invece ''o una rosa di magistrati sorteggiati che poi vengono votati oppure una rosa di eletti poi sorteggiati''. ''Sarebbe molto facile - ha detto - modificare la legge dei togati per rendere meno prevedibile la prescelta da parte dei gruppi di appartanenza. Ci sono le primarie che sono un piccolo passo in avanti - ha osservato -, ma avrei visto con favore qualche accorgimento di tecnica elettorale, tipo panachage, che dia la possibilita' di piu' preferenze e di scegliere qualcuno anche in altre liste, in modo da scompaginare i giochi e non dare per scontata, come oggi avviene, non solo la composizione del consiglio da eleggere, ma anche di quello successivo.

Questa e' una cosa che non va bene perche' e' bene che non ci siano carriere predeterminate dei magistrati''. eg/sam/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd nomina commissione congresso, Emiliano si candida a primarie
Consip
Di Maio: Renzi vuoti il sacco su donazione da Alfredo Romeo
Pd
Pd, Prodi: la scissione è un suicidio, non posso rassegnarmi
Pd
Pd, Emiliano: non faccio a Renzi il favore della scissione
Altre sezioni
Salute e Benessere
Percorso rapido per emergenze al Fatebenefratelli Roma
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Peroni Senza Glutine sul podio del World Gluten Free Beer Award
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia