martedì 21 febbraio | 23:16
pubblicato il 19/set/2014 18:56

Csm-Consulta: Caldoro, escludo Nitto Palma da ogni sospetto

(ASCA) - Napoli, 19 set 2014 - Stefano Caldoro difende Francesco Nitto Palma dalle insinuazioni secondo cui sarebbe il regista occulto dello stallo elettorale per la Consulta e il Csm. Parlando con i cronisti a Palazzo Santa Lucia, il presidente della Campania riconosce all'ex magistrato e senatore di Forza Italia di ''condurre sempre le sue battaglie a viso aperto''. ''Proprio non lo vedo impegnato a combattere di nascosto dietro le quinte - insiste -, sarebbe contro la sua natura. Lui e' duro, deciso ma leale.

Ed io posso ben dirlo''.

Il governatore ricorda di avere avuto ''diversita' di vedute in passato'' rispetto a Palma aggiungendo pero' che ''ci siamo sempre confrontati a viso aperto e siamo riusciti a raggiungere un'ottima intesa che in Campania ha prodotto straordinari risultati politici ed elettorali''. ''Escludo lui, ma non altri - precisa -, mi sembra comunque che la situazione di stallo non coinvolga solo Forza Italia ma abbia abbondanti numeri all'interno del Pd''.

dqu/sam/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd nomina commissione congresso, Emiliano si candida a primarie
Pd
Pd, Prodi: la scissione è un suicidio, non posso rassegnarmi
Consip
Di Maio: Renzi vuoti il sacco su donazione da Alfredo Romeo
Pd
Pd, Emiliano: non faccio a Renzi il favore della scissione
Altre sezioni
Salute e Benessere
Percorso rapido per emergenze al Fatebenefratelli Roma
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Peroni Senza Glutine sul podio del World Gluten Free Beer Award
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia