venerdì 24 febbraio | 16:20
pubblicato il 07/ott/2014 17:00

Csm, Bene:sospendere elezione mio sostituto.No da Boldrini-Grasso

Presidente Camera:doveroso andare avanti,è obbligo costituzionale

Csm, Bene:sospendere elezione mio sostituto.No da Boldrini-Grasso

Roma, 7 ott. (askanews) - Ha provato a bloccare la convocazione del Parlamento in seduta comune con due documenti inviati alle Camere, uno lo scorso 30 settembre e l'altro, di ben 19 pagine, oggi: Teresa Bene non si rassegna all'annullamento della sua elezione a Palazzo dei Marescialli ma dalla presidenza di Camera e Senato è arrivato un secco no alle sue richieste con la decisione della conferenza dei capigruppo congiunta di fissare la riunione per rieleggere un membro laico del Csm per martedì 14 alle 11.

La presidente della Camera, Laura Boldrini, ha definito "doveroso" convocare il Parlamento in seduta comune perché "è un obbligo costituzionale procedere". Alle sue parole si è associato il presidente del Senato, Pietro Grasso. Secondo Boldrini, poi, "non c'è nessun conflitto possibile tra la decisione del Csm e l'azione del Parlamento".

Gli articoli più letti
Sinistra
Scotto: nuova forza di sinistra con ex Pd, con noi 17 ex Si
Ncd
Alfano: i moderati tornino uniti contro il populismo
Governo
Guerini: assurdo legare data primarie Pd a elezioni politiche
Pd
Nel Pd braccio di ferro su data primarie, Orlando in campo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Tribunale malato: per 1 medico su 3 troppo poco tempo per paziente
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide:asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech